Al via il campionato disabili per i motociclisti, un’idea per far correre in pista piloti privi di una gamba o di un braccio, in sella a moto di 1000 e di 600 cc.

 

L’idea arriva da Emiliano Malagoli e Matteo Baraldi, grandi appassionati, che hanno già fatto gare in mezzo ai normodotati pur essendo privi l’uno della gamba destra, sotto il ginocchio, e l’altro del braccio destro, addirittura sopra l’articolazione, entrambi a causa di incidenti stradali. I due hanno fatto equipaggio assieme nella 200 Miglia del Mugello e non sono nemmeno arrivati ultimi. Da lì l’idea di portare a gareggiare altri disabili: si correrà nel Trofeo Bridgestone insieme ai piloti “normali”, nelle categorie Stock 600 e 1000.

 

L’obiettivo? “Aiutare altri motociclisti disabili a scoprire che l’infortunio o la malattia non li hanno esclusi dal mondo, e che possono fare molte delle cose che facevano prima, in un modo diverso” spiega Matteo Baraldi.

“Vorremmo che la disabilità fosse vista in maniera più normale, che una persona senza una gamba fosse guardata come si guarda uno che ha perso i capelli”, soggiunge Malagoli. Non a caso l’associazione che hanno fondato per portare avanti le iniziative si chiama Di. Di, che sta per “Diversamente Disabili”.

 

Ci sono già una dozzina di preiscritti, si correrà in mezzo agli altri con la medesima classifica, ma verrà estrapolata anche la graduatoria per i piloti Di. Di. Cinque prove, nelle quali saranno presenti sia il team Vueffe Corse,

squadra di assistenza ai veicoli dei piloti  –  che sono tutti amatori  – , sia l’Ortopedica Michelotti, con una squadra di assistenza per le protesi. Un genere di messa a punto singolare, ma per consentire la guida delle moto sono necessari diversi adattamenti, specifici per ogni situazione.

Non finisce qui: l’associazione Di. Di sta anche allestendo una scuola di guida motociclistica per disabili, con veicoli adattati alle diverse esigenze. Istruttori nuovamente Malagoli e Baraldi, assieme all’ex iridato Manuel Poggiali, a Chiara Valentini, Sebastiano Zerbo, Roberto Poggi. Il primo appuntamento della scuola a Roma, per il salone Motodays, nei giorni dal 7 al 10 marzo; la prima gara dei disabili, non valida per il campionato, invece sarà il 23 e 24 marzo a Binetto: due manche, una il sabato e l’altra la domenica. Il 21 aprile a Imola il primo appuntamento del Trofeo Bridgestone.

 

Queste le date degli appuntamenti in pista con il Team Diversamente Disabili al Bridgestone Challenge:

– 16 e 17 marzo Test Imola

– 21 aprile Misano

– 9 giugno Imola

– 7 luglio Misano

– 8 settembre Vallelunga

– 6 ottobre Mugello.

 

Fonte: repubblica.it