Disabilità sensoriali

Lego presenta Braille Bricks, i mattoncini per bambini con disabilità visive

Il colosso delle costruzioni giocattolo LEGO presenta i Braille Bricks, una nuova serie di mattoncini dedicati ai bambini ipovedenti e non vedenti.

Fin dalla sua nascita, il colosso danese del giocattolo LEGO ha votato il suo impegno nel riconoscere l’importanza che assumono le attività ludiche nello sviluppo dei bambini, in particolare il modo in cui la capacità di connettersi con gli altri e con l’ambiente circostante risulti essere imprescindibile nel loro processo di crescita. Mai come di questi tempi, inoltre, il concetto di inclusione risulta essere una scelta di natura etica e culturale orientata alla partecipazione collettiva e diretta a creare un ambiente educativo che predilige la valorizzazione della diversità del singolo. LEGO Foundation e LEGO Group da sempre abbracciano questa pratica didattica ma ora fanno un ulteriore passo in avanti, annunciando il lancio di un progetto davvero speciale. Si tratta di LEGO Braille Bricks, la prima serie di mattoncini ideati per insegnare l’alfabeto Braille a bambini con disabilità visive, oltre che a sviluppare il pensiero critico e le abilità tattili.

Questi speciali mattoncini, pur mantenendo la loro forma originale, presentano i bottoncini nella loro parte superiore disposti formando le lettere e i numeri dell’alfabeto Braille, il sistema di scrittura e lettura tattile a rilievo per ipovedenti e non vedenti. Restando sempre compatibili con i restanti mattoncini LEGO, ognuno di essi presenta stampata la lettera, il simbolo o il numero corrispondenti, rendendo così possibile la collaborazione paritaria di bambini ipovedenti con i loro coetanei e insegnanti vedenti.

«Con i mattoncini Braille, Lego Foundation ha creato per i bambini non vedenti un modo totalmente nuovo e coinvolgente per imparare a leggere e scrivere». È così che David Clarke, direttore dei servizi presso il Royal National Institute of Blind People, ci spiega l’enorme potenziale di LEGO Braille Bricks nel processo di apprendimento per bambini ipovedenti. Ha la capacità, infatti, di offrire qualcosa di tangibile che tuttavia può essere riorganizzato in modi completamente diversi, aprendo così inedite porte dell’apprendimento e rendendo le diverse materie scolastiche decisamente più accessibili e divertenti.

Il progetto viene proposto alla Lego Foundation nel 2011 dall’Associazione danese dei non vedenti e, dopo anni di cooperazione tra diverse associazioni per non vedenti di tutto il mondo, è stato presentato a Parigi nel 2019 in occasione della conferenza Sustainable Brands. Da allora, LEGO Group e LEGO Foundation hanno lavorato per presentare il progetto in ben sei lingue diverse (danese, inglese, norvegese, tedesco, francese e portoghese), pronosticando di aggiungerne altre cinque nei primi mesi del 2021.

Fonte: exibart.com

(lv/la)

  • lunedì, 28 Settembre 2020