Disabilità sensoriali

Nell’incombente nuova era sarà stupido essere inaccessibili

Quando sarà andato tutto bene sicuramente saremo di fronte a una società nuova. Io spero arricchita dai sacrifici di questi tempi in funzione di una cultura più solidale, ovvero maggiormente capace di prevenire le difficoltà umane, memore della fragilità della razza.

Mi auguro presto di non sentire storie come quella che vado a riprendere e di cui mi parla l’amico Roberto Scano a proposito dell’impossibilità per una persona cieca di prenotarsi il biglietto di un treno. Mi piacerebbe che vigesse una nuova saggezza imprenditoriale, ben lontana da quella mostrata da Italo, a differenza di Trenitalia.

Innanzitutto diciamo chi è Roberto Scano: è uno dei maggiori esperti di accessibilità del nostro Paese. Si occupa di accessibilità di web e prodotti informatici dallo scorso millennio ed ha partecipato e partecipa ai più importanti tavoli che definiscono le regole di accessibilità al Web e alle nuove tecnologie, sia in ambito tecnico che legislativo. Introdurlo serve a spiegare che se lui dice che una cosa in campo tecnologico può essere resa accessibile sicuramente può essere resa accessibile.

Roberto mi dice che ci sono problemi nelle procedure on-line per consultare gli orari e per acquistare i biglietti di treni e bus da parte delle persone che non vedono. Gli chiedo di spiegarmi meglio e mi risponde che «parlando con amici non vedenti attivi nel test di siti ed applicazioni mi hanno fatto presente che c’erano problemi nel sito di Trenitalia, anche se “aggirabili” con un po’ di esperienza digitale, mentre con Italo risultava (e risulta tutt’oggi) proprio impossibile procedere all’acquisto». Chi non vede non può prenotarsi il biglietto on-line, oppure deve dare fondo alle sue astuzie per riuscirci.

Il problema diventa insormontabile quando «un utente non vedente dal sito di Italo non può scegliere la data di partenza e arrivo perché chi ha sviluppato il sito non ha considerato le regole di accessibilità Web, che esistono dal 1999».

Chiedo a Roberto se la questione è stata segnalata alle compagnie e come hanno reagito. E lui mi racconta: «Grazie a Striscia la notizia la segnalazione è stata trasferita alle due società: Trenitalia e Italo. Mentre Trenitalia si è dimostrata attenta e si è impegnata a risolvere i piccoli problemi in una ventina di giorni, Italo ha risposto in modo difensivo: prima asserendo che non era obbligata dalla legge per l’accessibilità Web, che è solo per le pubbliche amministrazioni (il che è vero), dall’altra adducendo che comunque loro non discriminano nessuno essendo disponibile un numero di telefono per poter effettuare prenotazioni».

Mi stupisce la collaborazione Trenitalia, alla quale plaudo, mentre l’indisponibilità di Italo si limita a indignarmi. Roberto mi dice che si aspettava una risposta diversa da quest’ultimo, anche perché sistemare il problema secondo lui richiede appena qualche ora di lavoro. E invoca l’intervento della legge sulla non discriminazione (67/06), quella che dice che le persone con disabilità devono essere trattate alla pari delle altre. E quella che condannerebbe immediatamente l’azienda a intervenire, verosimilmente con un risarcimento del danno.

Sottolineo una considerazione di mercato di Roberto: «Italo, avendo prezzi competitivi con Trenitalia, crea un danno economico a chi non può risparmiare per una loro inefficienza tecnica. Speriamo si ravvedano».

Ora siamo tutti chiusi in casa. I tempi sono buoni per riflettere. C’è di mezzo un cambiamento culturale. Spero che l’era dell’ottusità imprenditoriale sia finita. Aperte le porte delle nostre case ci sarà tanta voglia di tornare a muoversi. Le imprese che non coglieranno la scia perderanno soldi e credibilità. Non voglio credere siano così perseveranti nel non interventismo.

Fonte: corrieredellasera

 

  • giovedì, 9 Aprile 2020