Iniziativa di Uici Ancona, sostenuta dai club Rotary. Sostegno psicologico e competenze per “facilitare e sostenere il percorso scolastico”. Un corso anche per i docenti curriculari, sostegno e educatori per conoscere gli strumenti usati da chi ha una disabilità visiva

ANCONA – Tornano, per il settimo anno consecutivo, i corsi di informatica e Braille a domicilio per ragazzi ipovedenti e non vedenti in età scolare della provincia di Ancona, grazie al progetto sostenuto dai Rotary Club Ancona, Ancona Conero, Ancona 25 35, Osimo, Loreto, Falconara e Jesi. “Durante l’anno scolastico 2018/2019 saranno una decina i ragazzi coinvolti nei percorsi formativi ad hoc rivolti all’apprendimento delle principali strumentazioni informatiche e braille che consentiranno loro di seguire un percorso scolastico equiparato a quello dei compagni. – sostengono i promotori in una nota – Oltre alla formazione, sarà offerto un sostegno psicologico, fondamentale per un miglior approccio istruttivo”.
A ogni studente sarà dedicato un corso di 10/15 ore a seconda delle necessità, con lezioni tenute a domicilio o in altra sede da due insegnanti coinvolti come istruttori, uno per la tecnologia braille per non vedenti e uno per l’ipovisione. Mentre un terzo professionista curerà il supporto psicologico. Sono più di 50, a oggi, i ragazzi che hanno partecipato al progetto dal momento del suo avvio. Inoltre, come negli anni precedenti, verrà organizzato anche un corso rivolto ai docenti curriculari, di sostegno e agli educatori affinché possano conoscere il braille e le strumentazioni informatiche utilizzate dai soggetti con disabilità visiva.

“Si tratta di una iniziativa importante per il raggiungimento degli obiettivi futuri dei giovani – commenta il presidente della sezione territoriale Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) di Ancona, Andrea Cionna -, sono anni che la nostra associazione segue con attenzione l’inserimento scolastico degli studenti con difficoltà visive e queste occasioni rappresentano un punto fermo fondamentale per facilitare e sostenere il percorso scolastico, trampolino per una vita all’insegna del lavoro e di una maggiore autonomia”.

Un prezioso contributo per la realizzazione del progetto è stato offerto anche dalla Conferenza dei Presidenti dei Rotary Club delle Marche che, riconoscendo l’importanza della formazione, ha organizzato a livello regionale week-end formativi per l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche. Il Presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Ancona e le famiglie dei ragazzi con disabilità visiva ringraziano i Club Rotary che hanno aderito a questa notevole iniziativa.

P.C.