Si sta svolgendo in queste ore, tra ieri e oggi, la sesta edizione di “Nonno Ascoltami”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito organizzata dalla omonima Associazione, che quest’annosordi ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Salute e il riconoscimento dell’OMS. L’evento principale si svolgerà nella città di Rovereto, oggi domenica 18 ottobre, in piazza Loreto.

In tutto parteciperanno sette regioni italiane, e moltissime piazze presteranno la loro scenografia a visite gratuite condotte da professionisti del settore. La sordità è un disturbo che sembra cosa da poco ma in realtà taglia fuori dal mondo le persone che ne soffrono, rendendole scostanti, a volte nervose e irritabili. Pare che la sordità favorisca l’insorgere delle demenze senili, proprio per la tendenza del soggetto a isolarsi. Combatterla con i mezzi moderni è un obbligo e un dono.

Anche la Organizzazione Mondiale della Sanità ha prestato finalmente attenzione alla sordità e ora si parla di istituire -il prossimo 3 marzo- la Giornata Mondiale per la Salute dell’Udito, ciò per ricordare al mondo che esistono 360 milioni di non udenti e in modo particolare la maggior parte di loro vive nei Paesi occidentali più ricchi. La sordità colpisce di solito persone anziane, sopra i 70 anni, ma alcuni disturbi ad essa legati (come gli acufeni) possono cominciare a colpire anche molto presto, subito dopo i 40 anni. Iniziative come “Nonno Ascoltami” vogliono sensibilizzare le persone, attraverso l’affetto per i nipoti, a rendersi protagoniste delle proprie cure. Devono essere loro, i nonni, i primi a fidarsi dei medici.

Fonte: benessere.guidone.it

(s.c./s.f.)