Disabilità sensoriali

Da Israele i segni del linguaggio

francobolliCinque concetti sono stati rappresentati in altrettanti francobolli, impiegando i sistemi comunicativi di chi non sente. “Grazie”, “bacio”, “amicizia”, “amore”, “arrivederci”: sono i cinque concetti che Israele ha affidato ad altrettanti francobolli, pronti ad uscire per l’8 aprile. Fin qui, nulla di strano. Si fanno notare, però, perché i messaggi vengono sviluppati attraverso il linguaggio dei segni

Nel Paese vivono 750mila persone che sono sorde o hanno difficoltà a sentire, e circa 15mila di loro usano tale mezzo per comunicare. Impiegano, cioè, principalmente le mani, il viso ed il corpo. Non si tratta di uno strumento valido in tutto il pianeta: ogni comunità nazionale ha il proprio. Il rimedio permette loro -dicono gli specialisti- di non sentirsi disabili o ridotti nelle capacità; piuttosto, diventano una collettività con le caratteristiche proprie dei gruppi di minoranza: condividendo storia, attività culturali e sociali, un modo per interfacciarsi.

I soggetti si basano su foto scattate da Pini Hamou, trasformate in cartevalori ordinarie buone per il traffico interno: tariffario alla mano, ora il porto corrispondente ammonta a 2,00 shekel. I fogli accolgono due serie.

 

Fonte: vaccarinews.it

(c.p.)

  • giovedì, 20 Marzo 2014