Disabilità sensoriali

La prima antologia diversamente thriller “CAPACITA’ NASCOSTE”

La diversità, e chi ha un handicap è diverso, è uno dei valori fondamentali del nostro secolo e fa parte della storia di ciascun individuo. Poiché però è molto più semplice avere a che fare con ciò che già conosciamo, la diversità appare come un pericolo, una minaccia, una barriera. Non è così

La prima antologia di racconti thriller con protagonisti diversamente abili: personaggi che, nonostante i loro handicap, riescono ad affrontare e risolvere situazioni di pericolo grazie alle proprie capacità.

Andrea G. Pinketts, Claudia Salvatori, Marilù Oliva, Luca Crovi, Andrea Carlo Cappi, Patrizia Debicke Van der Noot, Giuseppe Lippi, e talenti emergenti che, con la loro sensibilità, hanno voluto mostrare la disabilità in modo diverso.
Storie ad alta tensione: tutte sempre, rigorosamente, diversamente thriller.

* * *

Prefazione

Tutti diversamente abili, questi scrittori!

di Sergio Rilletti

Quando Elio Marracci mi ha proposto di curare questa antologia insieme a lui, ho accettato subito con grande entusiasmo, perché finalmente avrei coronato un sogno,  un’intuizione che avevo avuto nel 2003 – Anno europeo della disabilita -, quando pero ero ancora agli esordi della mia carriera di scrittore e non avevo certo l’autorevolezza di propormi come curatore. Oltretutto, la proposta di Marracci scaturiva dalla sua lettura del mio thriller autobiografico Solo! – che scrissi con l’intenzione di ringraziare i due giovani che una domenica dell’aprile 2006 mi soccorsero al Parco di Monza -, scaricabile gratuitamente dal web, che lui stesso aveva recensito.
Trattandosi di una storia vera narrata in prima persona da una persona disabile – ossia io – che se l’era cavata da una situazione di pericolo grazie alle proprie capacita, non ho mai avuto alcun dubbio che Solo! avrebbe riscosso un notevole successo, facendomi acquisire una certa popolarità; come ho persino “profetizzato” nell’epilogo del racconto stesso.
Dopo la pubblicazione su M-Rivista del mistero “Lezioni di paura”, infatti, Solo! e stato pubblicato sul prestigioso blog Letteratitudine di Massimo Maugeri, propagandosi a macchia d’olio su altri siti e blog che l’hanno riproposto o commentato, e interessando anche programmi radiofonici, riviste, e quotidiani.
E quando Elio Marracci mi contattò per farmi questa proposta, la mia felicita raggiunse le stelle.
Cosi come, successivamente, in fase di assemblaggio, non riuscivo a capacitarmi del numero di racconti validi che alla fine avevamo selezionato per quest’antologia. Sì, selezionato!
L’entusiasmo che ha suscitato questa iniziativa negli scrittori e stato tale che si è imposta una cernita, e gli autori che fanno parte di questa antologia – la prima in Italia di questo genere -, sono quelli che hanno aderito meglio alla nostra mission, accettando anche di modificare il proprio racconto o, addirittura, provando a scriverne un secondo pur di entrarvi.
Un comportamento di grande umiltà e professionalità di cui voglio ringraziare proprio tutti!
Alcuni si sono attenuti scrupolosamente alle nostre indicazioni, altri invece le hanno un po’ “interpretate”; ma, comunque, tutti hanno dimostrato come le persone diversamente abili, se necessario, possano affrontare situazioni e compiere azioni assolutamente fuori dall’ordinario.
A cominciare da questi stessi scrittori, ciascuno “diversamente abile” dagli altri, ciascuno dei quali ha saputo trattare un tema particolarmente ostico in modo originale.
I racconti infatti narrano diverse tipologie di handicap, e spaziano dal mystery all’urban legend, dal fantastico all’umoristico, dall’action al realistico-sentimentale, dallo spionistico al bellico, in cui non mancano le ispirazioni a fatti reali e le contaminazioni tra diversi generi; ma comunque sempre, rigorosamente, sotto l’egida del “thriller”.
Un manipolo di scrittori professionisti, più o meno conosciuti ma tutti validi e affermati, a cui si affianca qualche giovane promettente autore, che esordisce nel mondo della narrativa proprio in questa antologia.
Un’impresa in cui ho voluto cimentarmi anch’io, scrivendo un’avventura di Mister Noir – il mio eroe disabile seriale, protagonista di thriller umoristici -, pensata appositamente per questo volume.
Un’esperienza, quella di curatore, assolutamente unica, di cui ringrazio di cuore Elio Marracci, gli autori, tutti coloro che hanno mostrato interesse per questo progetto, tu, lettore, che hai deciso di prestarci attenzione, e, per finire, quella meravigliosa coppia di giovani che quella fatidica domenica 9 Aprile 2006 mi ha soccorso al Parco di Monza, senza i quali ne Solo! ne tutto quello che ne è scaturito, compresa questa stessa antologia, sarebbe mai esistito!
Buona lettura a tutti!

* * *

Sergio Rilletti
autore diversamente abile, noto per la sua apprezzata serie gialloumoristica sul detective Mister Noir è giunto alla ribalta mediatica con il racconto autobiografico Solo!, che ha avuto notevole risonanza su web, stampa e radio, compresa una puntata di Tutti i colori del giallo(Rai Radio2) a lui dedicata.

Elio Marracci
ha collaborato al DizioNoir (Delos Books, 2006), con una sezione sul nero a fumetti e ha curato insieme a Mauro Smocovich il DizioNoir Fumetto (Delos Books, 2008) e, insieme a Graziano Braschi, un’antologia di racconti noir dal titolo Nero Toscana uscita nel 2010 per la Casa editrice Perrone Lab.

Fonte: letteratitudinenews

(c.p.)

  • mercoledì, 12 Dicembre 2012