Disabilità sensoriali

E’ sordo, viene assolto dall’accusa di evasione

Agli arresti domiciliari, non aveva sentito gli agenti suonare il campanello di casa

La pattuglia suona alla sua porta per il controllo quotidiano, lui non sente, perché sordo, e finisce sotto processo per evasione. Protagonista della vicenda Antonio Romeo, 44 anni, di Giaveno  che aveva scelto di trascorrere gli arresti domiciliari a casa della moglie, in via Galliani, a Biella.

Quando la polizia era passata per il controllo, stava dormendo e complice una patologia pregressa, che gli aveva lasciato una menomazione dell’udito, non aveva sentito il campanello. Gli agenti, come scritto dal giudice nella motivazione, non avevano effettuato ulteriori accertamenti. Se ne erano andati, indagando il detenuto per evasione. In aula, presentate le prove a sua difesa, è stato assolto.

Fonte: lastampa.it

(c.p.)

  • mercoledì, 5 Dicembre 2012