La Salute a Torino

Costruire il set di dati ed indicatori

Tappe effettuate

Con la Conferenze Unificate A.S.L./ Città del 18 maggio 2007, anticipando le indicazioni successivamente emanate dal Piano Socio-Sanitario Regionale 2007-10, si era convenuto di dare corso ad attività congiunte finalizzate alla produzione del profilo di salute  Città/Circoscrizioni/Distretti Sanitari, da integrare nel più ampio percorso del Piano Regolatore Sociale. In questo ambito, un primo momento di condivisione è stato rappresentato dal corso per facilitatori PePS organizzato dalla Regione Piemonte con la collaborazione di DORS.(Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) al quale hanno partecipato, tra gli altri: i Dirigenti dei Servizi Sociali cittadini, i Referenti PePS ed alcuni Direttori di Distretto delle A.S.L. torinesi.
Il corso ha rappresentato una palestra utile per la costruzione di un lavoro integrato in tutte le sue fasi. Il gruppo dei corsisti, ha proseguito il confronto avviato in sede di formazione, con approfondimenti ed analisi integrabili all’interno del futuro profilo, del quale occorreva individuare il percorso di costruzione. In parallelo, con la ricognizione aggiornata al 2006 dei servizi e degli interventi sociali, nel loro più ampio significato, offerti dalla Città a diversi target di cittadini, si è conclusa la prima fase del Piano Regolatore Sociale.
Anche in esito alle sopra elencate attività è stato possibile formulare la richiesta di collaborazione nei confronti di DORS, volta a predisporre la proposta del percorso operativo per la costruzione del Profilo di Salute della Città. Si tratta di una proposta tesa a conciliare l’esigenza di descrivere in modo omogeneo e con riferimenti alle fasi del ciclo di vita delle persone/cittadini, le specificità territoriali proprie delle Circoscrizioni; in modo che si possa agire, quando necessario, un’analisi per target, similmente a quanto avvenuto per l’attività ricognitiva effettuata in sede di P.R.S..

Con la convocazione della Conferenza unificata del 25 giugno 2008 la proposta di percorso operativo concordata con DORS, racchiusa in schede di lavoro, è stata sostanzialmente validata e si è potuto dare corso a :

  • individuazione del gruppo di accompagnamento tecnico centrale la cui composizione viene descritta in altre pagine del presente C.D.
  • individuazione dei gruppi di lavoro Circoscrizione- Distretto
  • avvio della predisposizione del set minimo di dati utile ad attivare in tutte le Circoscrizioni- Distretti il percorso di costruzione del Profilo di Salute.

A partire dalle schede proposte e validate ( o griglie di corrispondenza tra determinanti di salute, politiche e attori istituzionali) tale set minimo di dati e indicatori è stato costruito e raccolto in questo CD, la cui architettura e logica saranno in altre pagine illustrate.
Occorre qui rappresentare che la ricerca di dati ed indicatori prodotti da componenti comunali si è giovata del clima di collaborazione e del capitale di fiducia rafforzato in occasione della prima fase del percorso del P.R.S.. Proprio all’interno di tale clima è maturato l’accordo con il Settore Statistica che contempla l’aggiornamento annuale sul sito del Comune di Torino, dei dati demografici specificamente forniti per questa occasione (dal 2007 in poi).
Inoltre le attività delle diverse componenti del Gruppo di accompagnamento tecnico hanno generato il graduale coinvolgimento delle strutture interne a ciascuna organizzazione di appartenenza producendo non solo dati, ma anche informazioni sulla rappresentatività di quanto fornito, limiti e modalità di raccolta degli stessi. Il gruppo di lavoro, ha proceduto, quando possibile, ad intervistare i colleghi in quanto “esperti dei servizi offerti e delle problematiche che li sottendono”.
Tale procedimento ha consentito di ideare l’architettura del C.D., che per la sua concreta realizzazione si è avvalsa dell’attività dell’Ufficio di Piano, quale struttura operativa a sostegno dei percorsi di programmazione ed alla efficace collaborazione informatica del servizio  “Passpartout”.

Strumenti di lavoro e gruppo di accompagnamento tecnico.
Con le Conferenze unificate Città-A.S.L. del 28 gennaio 2009, si avviano operativamente i percorsi locali. Questo significa che gruppi di lavoro – ovvero i laboratori locali ex D.G.R. del 5.11.2008, n.3-9978 – dovranno, a partire dal mese di febbraio 2009, iniziare, laddove non già avviato, il proprio percorso.
I contenuti del C.D. potranno essere esplorati per preparare eventuali quesiti da proporre al gruppo di accompagnamento tecnico che sarà disponibile per successivi incontri locali.
Il C.D. rappresenta una fonte di informazioni utili; la sua architettura intende essere uno strumento al servizio di quella omogeneità di percorso necessaria per consentire, a valle dello stesso, una visione unitaria della Città. Un ulteriore elemento di omogeneità e di  coordinamento è rappresentato dal Gruppo di accompagnamento tecnico. Lo stesso avrà il compito di seguire il lavoro dei Laboratori locali, ai quali parteciperanno le componenti tecniche Circoscrizione – A.S.L. e le componenti esterne in rappresentanza di istituzioni e terzo settore, che saranno chiamate localmente a condividere il percorso, cercando di rispondere ad eventuali:

  • bisogni formativi
  • richieste di dati
  • effettuare un costante collegamento tra i percorsi circoscrizionali con la finalità di segnalare criticità, diffondere gli elementi virtuosi che emergeranno in corso d’opera e armonizzare fra loro i vari profili per proporre una ricostruzione di quello complessivo della Città.

Profili di Salute ed altri strumenti di programmazione.
Le “Linee Guida Regionali per la costruzione dei Profili e Piani di Salute” approvate con D.G.R. del 5.11.2008, n.3-9978, recitano: “Ai fini di una compiuta integrazione tra gli strumenti di  programmazione locale, gli amministratori locali in collaborazione con gli operatori sanitari e socio assistenziali sono chiamati ad operare dando unitarietà al processo programmatorio  locale realizzando attraverso il PePS il quadro di riferimento da cui possono efficacemente  discendere il Programma delle attività distrettuali e il Piano di Zona.” Per questa ragione  l’attivazione del percorso di costruzione del PePS rappresenta, nel nostro caso, anche l’avvio  del Piano di Zona, di cui costituisce la base informativa necessaria.
Le stesse Linee Guida Regionali, come ricordato in altre sezioni del presente C.D., precisano per altro che: “Per la Città di Torino il percorso di costruzione del PePs dovrà avvenire in modo unitario su scala cittadina”… e che: “le funzioni di laboratorio territoriale per la salute saranno  svolte dalle strutture tecniche già avviate per la predisposizione dei Piani di Zona ex art.17 della L.R.328/04”.

La tempistica per il Profilo di Salute.
In osservanza alle indicazioni delle precitate Linee Guida, occorre che le Circoscrizioni producano e consegnino entro il mese di giugno 2009, una prima bozza del profilo, che potrà  essere perfezionato durante i mesi estivi ed essere sottoposto a validazione entro ottobre  2009.
La composizione e la condivisione di un profilo della Città avverrà con modalità partecipata nel  mese di novembre 2009, affinché si possa procedere su una base conoscitiva comune alla fase  di pianificazione, ovvero a Piano di Salute e Piano di Zona.

Antonietta GAETA
Monica LO CASCIO


La banca dati

  • giovedì, 28 Novembre 2013