La Salute a Torino

Rete Europea

Logo Città Sane europaLa Rete europea Città Sane – OMS è costituita da città di tutta la Regione Europea  che si sono impegnate per la salute e lo sviluppo sostenibile: più di 90 città provenienti da 30 paesi. Esse sono anche collegate attraverso Reti Città Sane nazionali, regionali, metropolitane. Le città aderiscono alla Rete europea Città Sane sulla base di criteri che si rinnovano ogni cinque anni.
Le attività  svolte sono suddivise in fasi e ogni fase dura cinque anni e si concentra su temi e obiettivi prioritari. L’adesione alla singola Fase è sostenuta da una dichiarazione di impegno politico da parte dei Sindaci delle Città che evidenziano gli obiettivi strategici che intendono perseguire.

Le Fasi di sviluppo del progetto

  • Fase I (1987 – 1992): ha coinvolto 35 città nel network delle città progetto europee. Durante questa fase si è posto l’accento sulla creazione di nuove strutture (Uffici di Progetto Città Sane) che potessero fungere da fattori di cambiamento e introdurre nuove modalità di lavoro per promuovere la salute nelle città;
  • Fase II (1993 – 1997): ha coinvolto 39 città nel network delle città progetto europee, includendo 13 città che non avevano partecipato alla precedente fase I. Questa fase è stata caratterizzata da un approccio orientato all’azione con una forte enfasi sulle politiche pubbliche di promozione della salute e sulla pianificazione comprensiva della salute nelle città.
  • Fase III (1998 – 2002): ha coinvolto oltre 50 città europee. E’ stata avviata in occasione della Conferenza Internazionale delle Città Sane Progetto svoltasi ad Atene il 23 Giugno 1998, indetta per celebrare i primi 10 anni del Progetto. I principali obiettivi sono stati:
    • Ridurre le disuguaglianze all’interno dei servizi sanitari, al fine di rendere la salute più accessibile a tutti;
    • Impegnarsi per uno sviluppo sostenibile attraverso il rafforzamento delle politiche per la salvaguardia dell’ambiente, uno sviluppo equo del pianeta e l’utilizzo razionale delle sue risorse;
    • Promuovere forme di reciproco aiuto attraverso forti azioni collettive;
    • Promuovere la collaborazione intersettoriale.
  • Fase IV (2003 – 2008): le linee guida relative a questa fase sono state definite nel corso del Convegno Internazionale delle Città Sane svoltosi a Belfast (Irlanda del Nord) dal 19 al 22 ottobre 2003. I temi principali affrontati durante la Fase IV sono stati: Invecchiamento in Salute (Healthy Ageing), Pianificazione Urbana per la Salute (Health Urban Planning), Valutazione Impatto di Salute (Health Impact Assessment) e Attività Fisica e Vita Sana.
  • Fase V (2009 – 2013): le linee guida di questa fase sono state definite nel corso del Convegno Internazionale delle Città Sane svoltosi a Zagabria (Croazia) dal 15 al 18 ottobre 2008. In quell’occasione i Sindaci dei comuni aderenti hanno sottoscritto la “Dichiarazione di Zagabria per Città Sane: salute ed equità nella salute in tutte le politiche sociali”. La Fase V è stata avviata ufficialmente durante il Meeting Internazionale delle Città Sane tenutosi a Viana do Castelo (Portogallo) dal 17 al 20 giugno 2009.
  • venerdì, 29 Novembre 2013