La Salute a Torino

Prima edizione del Disability Film Festival

Torino sempre più culla di cambiamenti ed innovazioni e se vi state chiedendo cosa centrino due termini cosi pieni di significato con un Film Festival, allora mettetevi comodi, alla fine dell’articolo mi darete ragione. Torino di certo può ventare diverse sfaccettature di Film Festival quindi quale cambiamento ed innovazione può apportare la prima edizione del DFF? L’accezione più nobile ed impegnativa, ovvero il cambiamento culturale, di riconfigurazione del pensiero personale e collettivo. La neonata rassegna cinematografica di Torino – organizzata da Associazione Volonwrite, racconta la disabilità dall’interno, da chi la vive, con-divide e conosce da vicino, con l’obiettivo di fornire prospettive differenti (ma non necessariamente incompatibili) sui risvolti creati dalla diversità nel modo di affrontare il Mondo e il suo giudizio. Saranno, innanzitutto, le persone a raccontare storie diverse da quelle che la paura e la non conoscenza hanno veicolato sulla disabilità nel corso dei decenni, storie in cui le differenze arricchiscono. L’innovazione sta nell’ampliamento del prodotto Film Festival che cosi acquisisce un taglio più prismatico.

COSA C’È AL DISABILITY FILM FESTIVAL?

Tre giorni di proiezioni e incontri tra cinema, letteratura, musica e testimonianze: la narrazione, certamente parziale, sarà appassionata e determinata nel proporre una visione della disabilità che non incarni limitazioni e deficit ma insegni un modo diverso di fare esperienza della Vita, una possibilità per scoprire la propria essenza, un insieme di caratteristiche appartenenti a un’ identità complessa in grado di forgiare ciò che siamo nell’incontro con il Mondo!

QUAL É L’APPROCCIO DEL DISABILITY FILM FESTIVAL?

Propongono un percorso alla scoperta della disabilità attraverso opere che privilegiano l’impatto che l’anomalia della condizione dei protagonisti porta nell’ambito della quotidianità. Perché la disabilità è (soprattutto) un MODO DI ESSERE!

Per scoprire il programma clicca qui (disponibile anche in versione audio per persone cieche o ipovedenti)

Per prenotare il tuo posto gratuito clicca qui

Fonte: associazionevolonwrite

I.G.

  • lunedì, 6 Settembre 2021