La Salute a Torino

Salute Sessuale: il nuovo Centro Multidisciplinare di Torino

Nuovo Centro, sito in Via Juvarra 19 a Torino,  che riguarda la Salute Sessuale a tutto tondo.

Le Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST) costituiscono una reale minaccia alla salute sessuale e riproduttiva: ogni giorno sono più di un milione i nuovi casi a livello mondiale. Negli anni, in Italia, i sistemi di sorveglianza nazionali hanno permesso di documentare un significativo incremento dei casi di gonorrea che sono raddoppiati tra il 1999 e il 2006 e nuovamente aumentati nel 2016. I casi di infezione da Chlamydia sono triplicati tra il 2008 e il 2016. In talune aree, soprattutto quelle metropolitane, l’andamento dei casi ha assunto talora un aspetto micro-epidemico.  Durante lo stesso periodo di osservazione in Piemonte si è registrato un aumento significativo di casi di sifilide contagiosa e gonorrea negli uomini a fronte di una riduzione nelle donne. Questi andamenti rispecchiano il quadro più generale che si osserva in tutta Europa.

“Nel 2018 i casi di sifilide contagiosa diagnosticati dall’Ambulatorio IST dell’Ospedale Amedeo di Savoia rappresentano il 70% delle diagnosi di sifilide segnalate al Sistema di sorveglianza delle Malattie Infettive regionale – afferma il Dott. Ivano Dal Conte, Responsabile della Struttura Semplice Dipartimentale Centro Multidisciplinare per la Salute Sessuale. I giovani con meno di 35 anni di età con diagnosi di sifilide rappresentano circa un terzo dei casi totali e in 9 casi su 10 si tratta di uomini. Le diagnosi in pazienti stranieri rappresentano meno del 20%. Nel 2018, sono oltre 350 i casi di gonorrea segnalati in Regione. Il numero di casi di gonorrea tra gli uomini è nettamente superiore a quello tra le donne ed il 76% delle diagnosi riguarda cittadini italiani prevalentemente giovani: in 4 casi su 10 hanno meno di 35 anni. Ogni anno un discreta quota di nuovi riscontri di infezione da HIV viene osservata nei centri che diagnosticano e curano le infezioni sessualmente trasmesse. –  continua Dal Conte – Nel 2018, su un totale di circa 200 nuove diagnosi di HIV in Regione, quasi il 10% delle diagnosi sono state effettuate durante un controllo per una sospetta IST presso i Centri della Città di Torino e di questi l’80 % sono stati diagnosticati presso l’Ambulatorio IST dell’Ospedale Amedeo di Savoia.”

Il lavoro ventennale delle tre Strutture operanti nella Città di Torino ha permesso di fondare le basi per un Progetto congiunto tra i vari Specialisti (Dermatologi, Infettivologi, Ginecologi, Psicologi, Chirurghi ed Igienisti,  che superi la sola assistenza legata alle IST ma che comprenda gli aspetti umani psicologici  e sociali che sono alla base del rischio di acquisizione delle infezioni, integrando la necessità assistenziale legata alle complicazioni più tardive che necessitano di un intervento specialistico avanzato ospedaliero. In questa visione allargata, si vuole dare spazio, di concerto con le Strutture deputate alla Salute Pubblica, agli aspetti di promozione alla Salute Sessuale e di prevenzione primaria attraverso strumenti che spaziano dal counselling individuale fino all’implementazione campagne informative generali utilizzando anche le nuove tecnologie, non tralasciando e rafforzando strumenti storicamente efficaci come le vaccinazioni, nuove e vecchie, dei gruppi interessati. Il lavoro di rete tra tutti gli attori che si occupano di Salute Sessuale sarà la struttura del nuovo assetto organizzativo del Centro Multidisciplinare: la sua collocazione nel Dipartimento di Prevenzione ha un valore strategico proprio per la missione di tipo preventivo, che è rafforzata dallo stretto raccordo con il livello regionale tramite l’attività del SeReMI che coordina la rete dei Centro MST Regionali.

 Il nuovo Centro Multidisciplinare per la Salute Sessuale di Torino trova la sua collocazione presso il Presidio Sperino – dichiara il Direttore Generale dell’ASL Città di Torino, dott. Valerio Fabio Alberti – dove sono stati unificate le attività dei tre Centri MST della Città di Torino (Molinette, Sant’Anna e Amedeo di Savoia),  secondo un nuovo modello organizzativo, che prevede un’implementazione dell’offerta sanitaria, sia in termini di diagnosi e di trattamento delle Infezioni Sessualmente Trasmissibili, sia più, in generale, riferita alla Salute Sessuale nel suo complesso.”

 ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO MULTIDISCIPLINARE PER LA SALUTE SESSUALE

Al Centro, sito in Via Juvarra 19, possono accedere tutte le persone che per anamnesi o sospetto clinico sono a maggior rischio di contrarre o trasmettere un’infezione sessualmente trasmissibile o che abbiano bisogno di una consulenza riguardante la Salute Sessuale.

ACCESSO DIRETTO, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle 10,30 senza richiesta medica.

L’attività clinica dopo l’accesso diretto verrà gestita con un modello di triage “Nurse Led”, che permette di discriminare tra prestazioni urgenti (entro 72 ore) e prestazioni prenotabili.

Sarà garantita la confidenzialità per tutto il percorso diagnostico e terapeutico.

Attività di prevenzione delle INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI e promozione della salute sessuale

  • Visita medica, accertamenti diagnostici e eventuale terapia in loco per persone sintomatiche o che necessitano di screening dopo valutazione del rischio
  • Test a risposta rapida o diagnostica avanzata
  • Presa in carico delle nuove diagnosi di infezione da HIV in pazienti con Infezioni Sessualmente Trasmissibili e raccordo con successivi percorsi diagnostico/terapeutici
  • Gestione della profilassi pre e post esposizione HIV (PEP & PrEP)
  • Percorsi facilitati per la diagnosi di IST negli adolescenti nelle donne e popolazioni migranti
  • Gestione dei casi IST complessi in collaborazione con i centri ospedalieri dotati di reparto di ricovero infettivologico, chirurgico e ginecologico (Ospedale Maria Vittoria, Ospedale Amedeo di Savoia, Città della Salute)
  • Collaborazione con la Rete Oncologia del Piemonte per la diagnosi precoce delle neoplasie conseguenti a IST (carcinoma cervicale e dell’ano )
  • Collaborazione alla Rete di Sorveglianza Regionale delle IST e con i Servizi di Igiene e Sanità Pubblica di riferimento territoriale soprattutto per l’implementazione dei programmi vaccinali e delle sorveglianze speciali.
  • Consulenza psicologica su temi della sfera sessuale, relazionale e delle disfunzioni sessuali
  • Sostegno all’assistenza delle vittime di violenza sessuale in raccordo con la Rete regionale;
  • Progettazione, sviluppo e valutazione di interventi di promozione della salute sessuale rivolti alla popolazione generale e a gruppi target (MSM, DSD, transgender, adolescenti, persone dedite alla prostituzione, stranieri
  • Formazione specifica in tema di IST e Salute Sessuale per Operatori Sanitari in collaborazione con gli Ordini Professionali e l’Università di Torino.
  • lunedì, 30 Settembre 2019