La Salute a Torino

Oms: obiettivo clima e salute

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ed i suoi partners hanno lanciato un nuovo importante studio relativo all’impatto sulla salute del cambiamento climatico. Lo studio prende in esame ad esempio in che modo il tempo atmosferico, l’inquinamento e la contaminazione da cibo ed acqua hanno un’influenza sull’insorgere delle malattie. Suggerisce inoltre ai paesi misure efficaci per monitorare e controllare gli effetti sulla salute del cambiamento climatico.

L’OMS ed i suoi partners lanciano inoltre delle linee guida pratiche a supporto degli stati membri e delle altre organizzazioni per monitorare e valutare l’impatto del cambiamento climatico e prevenirne gli effetti.

In base a dati recenti (tratti dal World Health Report 2002), il cambiamento climatico é responsabile del 2,4% di tutti i casi di diarrea nel mondo e del 2% di tutti i casi di malaria. Inoltre nel 2000 si stima che 150 mila morti e 5.5 milioni di Disability-Adjusted Life Years (rappresentano il numero stimato dei giorni/anni di vita persi a causa di malattie debilitanti) siano stati provocati dal cambiamento climatico.

“Finora, la maggior parte del lavoro svolto sul cambiamento climatico mirava ad ottenere risultati a lungo termine, vale a dire in 10, 20 o 50 anni. Quello che dobbiamo fare, é agire per proteggere le vite umane adesso”, afferma Dr Kerstin Leitner, Vice Direttore Generale Sviluppo Sostenibile e Ambienti Sani.

“Cresce l’evidenza scientifica che i cambiamenti nel clima globale avranno effetti profondi sulla salute e sul benessere dei cittadini del globo. Dobbiamo capire meglio dunque i potenziali effetti sulla salute in particolare per i gruppi vulnerabili, in maniera da gestire meglio il rischio”, aggiunge.

Lo studio “Climate Change and Human Health – Risks and Responses” è stato presentato a Milano, durante la Nona Sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite.  L’OMS é l’autore della pubblicazione in collaborazione con UNEP (United Nations Environment Programme ) e WMO (World Meteorological Organization), e con il supporto della EPA americana (Environmental Protection Agency).

Inoltre, l’Ufficio Europeo dell’OMS (WHO-EURO) insieme ad Health Canada, e con il supporto di UNEP e WMO, lancia le linee guida dal titolo “Methods of Assessing Human Health Vulnerability and Public Health Adaptation to Climate Change”.

Gli anni ’90 sono stati la decade più calda mai registrata ed il trend in aumento delle temperature nel mondo non sembra fermarsi. In Europa la scorsa estate ad esempio, circa 20.000 persone sono morte a causa delle ondate di calore (vedi tabella allegata).

Anche la pioggia può avere un impatto significativo sulla salute quando supera i  livelli normali. In questi casi può raccogliersi e stagnare e costituire un ambiente idoneo per le zanzare ed altri vettori che trasmettono malattie quali la malaria e la febbre di Dengue.

La pubblicazione lanciata oggi descrive il contesto ed il processo del cambiamento climatico globale, l’impatto reale e probabile sulla salute ed il modo in cui le societá ed i paesi dovrebbero rispondere, con un’attenzione particolare alla salute. In generale, gli esperti sottolineano che la maggior parte degli effetti sulla salute del cambiamento climatico sarebbero negativi.

Le linee guida sono un complemento alla pubblicazione e forniscono informazioni pratiche agli stati membri, alle agenzie ed istituzioni ambientali e meteorologiche sia nei paesi sviluppati, sia in quelli in via di sviluppo su come valutare la vulnerabilità e l’adattamento al cambiamento climatico a livello di zone climatiche, nazioni e regioni. Sono descritti metodi flessibili e strumenti per raggiungere una comprensione migliore della vulnerabilità presente e futura delle popolazioni a rischio.

Un riassunto può essere scaricato dal sito:
http://www.who.int/globalchange/en/

  • mercoledì, 28 Dicembre 2016