La Salute a Torino

Torino, un regalo per il Natale dei ragazzi del Ferrante Aporti

La  proposta del Garante dei detenuti del Comune

IERI siamo stati a far visita ai ragazzi del Ferrante Aporti. La direttrice ci ha accolti con la consueta gentilezza e determinazione. Con i ragazzi del carcere minorile torinese ferrante-aportifacciamo incontri periodici a gruppi. Loro ci raccontano cosa vorrebbero cambiare del carcere, cosa vorrebbero che non è concesso, ma soprattutto la loro profonda solitudine e sofferenza. Non ci sono diritti violati, ma un sistema dove troppo spesso i ragazzi si confrontano solo gli uni con gli altri, senza dialogo con i coetanei fuori.

 

I giovani presenti ieri erano 37, di cui 30 stranieri e 7 italiani. Li abbiamo incontrati perché avevamo buone notizie (come la ristrutturazione dell’area esterna quasi terminata). Nella “piazza”, l’atrio centrale, c’era un grande albero di Natale, con un altro più piccolo a fianco. Non vi è stato il tempo di immaginarli con i doni perché la direttrice ci ha annunciato che quest’anno le limitate risorse consentiranno solo una t-shirt, un quaderno e un fumetto per ciascun ragazzo.

 

Torino è una città solidale. Sarebbe bello contribuire tutti insieme a rendere il Natale per i ragazzi del Ferrante Aporti più spensierato e più sereno. Per questo abbiamo avuto un idea che trasformiamo in proposta: “Da noi a loro”. Aderire è semplice: basterà presentarsi ai cancelli del Carcere Minorile di Torino, in Via Berruti e Ferrero 3, con un dono non impacchettato per consentire i dovuti controlli, suonare e annunciare che avete aderito alla proposta “Da noi a loro”. Sarà per tutti un Natale migliore.
Altre informazioni scrivendo a: ufficio.garante@comune.torino. it o chiamando lo 011.01122147- 011. 01122157

 

Fonte: La Repubblica on line

Redazione: Polo cittadino della salute

  • venerdì, 23 Dicembre 2016