La Salute a Torino

Campagna di comunicazione per la lotta all’abuso di alcol 2015

UN PROBLEMA GIOVANILE

In Italia, come nel resto d’Europa, per i giovani under 30, l’abuso di alcol alla guida rappresenta la prima causa di mortalità, morbilità e disabilità evitabile.

I dati in possesso dell’Istituto superiore di sanità evidenziano la vastità del fenomeno anche tra i giovanissimi entro i 18 di età (l’ “età legale” che gli esercenti devono considerare prima di poter vendere ai singoli bevande alcoliche). Oltre 1.000.000, infatti, sono i giovanissimi che fanno un consumo rischioso di alcol. Il fenomeno è preoccupante anche perché gli adolescenti insieme alle donne e agli anziani sono fisiologicamente più vulnerabili agli effetti delle bevande alcoliche a causa di una ridotta capacità dell’organismo a metabolizzare l’alcol.

L’Action Plan on Youth Drinking and on Heavy Episodic Drinking Logo campagna contro alcol 2015della Commissione europea per gli anni 2014-2016 nell’elencare i principali fattori da contrastare da parte delle istituzioni, sottolinea la necessità di combattere la diffusione del modello binge drinking e gli effetti dell’esposizione dei giovani alle pubblicità e ai modelli comportamentali proposti dal marketing commerciale legato all’alcol.

Nonostante gli sforzi delle istituzioni, tuttavia, le campagne informative non riescono a fare breccia tra i ragazzi in modo efficace perché utilizzano logiche di comunicazione in parte superate.

LA CAMPAGNA ALCOL 2015

La campagna 2015 del Ministero della salute sarà una campagna innovativa. Una campagna pensata per i giovani che utilizzerà linguaggi e codici espressivi tipici dei ragazzi. Una campagna che si svilupperà attraverso i canali e i luoghi di scambio di informazioni abitualmente frequentati dai ragazzi: primi tra tutti il web.

LA SCELTA DEI TESTIMONIAL “ELIO E LE STORIE TESE”

Tra le varie modalità espressive, la musica rappresenta un vettore eccezionale per parlare in modo chiaro e diretto ai giovani. La musica favorisce la memorizzazione di messaggi anche complessi e permette di avviare velocemente un processo di comunicazione virale spontaneo (il “tam-tam” della canzone orecchiabile che viene fischiettato di bocca in bocca).

Le ragioni a fondamento della scelta di avvalersi del noto gruppo musicale Elio e le storie tese sono diverse:

  • per l’immagine che propone e per le caratteristiche proprie del suo modo di comunicare il gruppo Elio e le storie tese è riconosciuto come geniale, stravagante e al contempo intelligente.
  • Elio e le storie tese hanno un riscontro di apprezzamento che va al di là della cerchia dei seguaci abituali e fans. E’ infatti ampiamente conosciuto e suscita comunque curiosità e un interesse attivo in un pubblico trasversale per caratteristiche socio-demografiche, culturali e anagrafiche.
  • Elio e le storie tese hanno dimostrato negli anni di avere la capacità di “fare tendenza”, vale a dire di influenzare il gusto corrente proponendo un modello di stile o di comportamento originale.
  • L’eccentricità con cui Elio e le Storie Tese si propone favorisce senz’altro la memorizzazione spontanea dei messaggi che si intendono veicolare.
  • L’interesse del pubblico dei giovanissimi nei confronti di Elio e le Storie Tese è cresciuta anche in seguito alla partecipazione di Elio alla trasmissione X Factor nel quale il leader del gruppo, Elio, capitanava, appunto, la squadra dei teen-agers riuscendo a portare in finale un gruppo musicale.
  • Elio e le Storie Tese ha manifestato un sincero convincimento al progetto educativo del Ministero.
  • Attento a curare un’immagine costantemente all’avanguardia, Elio e le Storie Tese da sempre rifugge da eccessi comportamentali e atteggiamenti aggressivi. La coerenza tra comportamento promosso e atteggiamento mantenuto nella vita ordinaria è, infatti, fondamentale per assicurare credibilità al messaggio.

 

Per saperne di più…

 

Fonte: Ministero della Salute

Redazione: Polo cittadino della Salute

 

  • lunedì, 18 Maggio 2015