La Salute a Torino

AIRC, in arrivo le Arance della Salute

Sabato 25 gennaio tornano le “Arance della salute”. Duemila piazze e 330mila reticelle contenenti 2,5 kg di frutti per promuovere una sana alimentazione e supportare la ricerca

 

Le arance fanno bene alla salute, sono ricche di antiossidanti e vitamina C. Ma non solo, perché con l’AIRC possono portare anche speranza e benessere ai malati di cancro. E’ sufficiente un contributo di 9,00 euro per contribuire a sostenere il lavoro dei ricercatori e, ovviamente, portare a casa uno degli agrumi più salutari che esistono. Non a caso sono ottimi preventivi del cancro.

 

La ricerca, infatti, oggi sa che la stragrande maggioranza dei tumori, quasi il 70 per cento per l’esattezza, può essere prevenuto grazie a una sana alimentazione e uno stile di vita corretto. E se proprio ci fosse qualche problema, sarà la diagnosi precoce a dare la speranza di una vita migliore.
In merito ad alcuni dati forniti da studi internazionali come l’EPC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition), sono molti i tumori a essere positivamente sensibili all’azione benefica degli alimenti naturali.

 

Tra i diversi studiosi italiani che hanno sostenuto tali ricerche, possiamo citare Paolo Vineis, epidemiologo dell’Imperial College di Londra e dell’Università di Torino, che spiega: «Dai risultati di questo studio, co-finanziato da AIRC e dalla Comunità Europea e avviato nei primi anni ‘90 reclutando circa 500 mila persone in 10 Paesi europei, salta subito all’occhio il collegamento tra cattiva alimentazione e sovrappeso.  In particolare si è scoperto che sia l’indice di massa corporea (il BMI, che valuta il peso globale della persona in relazione all’altezza) sia il girovita, spia di “obesità centrale” (detta anche viscerale o addominale) finora collegata principalmente al rischio cardiovascolare, determinano una riduzione dell’aspettativa di vita che passa anche attraverso un aumento dei casi di cancro».

 

Vi sono comunque specifiche patologie che, in particolar modo, avvertono gli effetti negativi di un’alimentazione errata o squilibrata. Tra questi vi sono i tumori dell’apparato gastrointestinale, tra cui stomaco, esofago e colon retto. Tutti, potenzialmente prevenibili attraverso una sana alimentazione.
Quando invece si assumono alimenti eccessivamente raffinati o non idonei, si potrebbe sviluppare un’infiammazione cronica che predisporrebbe a varie forme cancerogene o squilibri ormonali che potrebbero favorire lo sviluppo di tumori dell’utero, seno, ovaio eccetera.

 

Sabato 25 gennaio 2014, in oltre duemila piazze italiane, insieme alla arance verrà distribuito lo speciale “Il cibo giusto per ogni età. Consigli per una sana alimentazione” realizzato con la consulenza di Anna Villarini, biologa nutrizionista e ricercatrice dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Qui troverete anche tante gustose ricette dello Chef Sergio Barzetti ha elaborato in collaborazione con Cucina Italiana.
Parteciperanno all’iniziativa anche le scuole con: “Cancro, io ti boccio”, nella quale insegnanti di ogni genere diffonderanno nelle classi le conoscenza relative a uno stile di vita salutare e il valore della ricerca scientifica. Parte dei bambini e dei ragazzi e, perché no, anche dei genitori, potranno divenire volontari distribuendo le Arance della Salute in oltre 700 scuole.

 

Per ulteriori informazioni sulle piazze in cui si svolgerà l’iniziativa, potete visitare il sito internet www.airc.it oppure chiamare il numero verde 840.001.001.

Cerca la piazza più vicina…

 

Fonte: La Stampa on line

Redazione: Polo cittadino della Salute

  • giovedì, 23 Gennaio 2014