La Salute a Torino

Il Centro di ascolto Aria è presente a La salute in Comune 2013

ARIA è un centro d’ascolto del Comune di Torino rivolto a ragazzi dai 14 ai 21 anni per fornire un luogo di riflessione e di confronto che aiuti ad affrontare quelle crisi e difficoltà che si incontrano normalmente in fase di crescita beneficiando dell’ascolto di un adulto estraneo alla famiglia che sostenga nella riflessione e nella chiarificazione su di sé.
Fondamentale è una relazione accogliente con i ragazzi che permetta la ricerca delle risorse, interne ed esterne (nel proprio ambiente e nella propria famiglia) per realizzare al meglio la loro vita e la loro partecipazione sociale.

Massimiliano Spano è il referente di questo progetto.

Massimiliano, in cosa consiste il Progetto ARIA del Comune di Torino?
E’ un progetto che c’è dal 1992 e che si occupa dei ragazzi dai 14 a 21 anni. Da questo anno ha inoltre cambiato volto, nel senso che oltre al Comune si è vista la collaborazione di altri enti e organizzazioni come l’Associazione Orso, l’Associazione Stranaidea, il Centro clinica psicoanalitica Jonas e l’Associazione Cento per Cento: insieme portano avanti questo progetto di ascolto per adolescenti, con diverse anime e sfaccettature.

 

Quali sono i principali servizi?
ARIA non è solo un centro di ascolto: si occupa anche di orientamento al lavoro, di sviluppo di competenze comunicative e professionali; è un progetto in rete con altri servizi della cittadinanza.

 

Quali sono le maggiori difficoltà espresse dai giovani che si rivolgono al vostro Centro?
Come psicologo posso parlarvi di problemi che coinvolgono l’uscita dalla fanciullezza, le difficoltà del ritrovarsi in una fase così delicata come è quella dell’adolescenza: le prime relazioni sentimentali, problemi scolastici, amicali, argomenti che affliggono da sempre gli adolescenti.
Accanto a queste realtà il Centro ARIA è attrezzato a risolvere anche problemi “più importanti”, come disturbi alimentari, attacchi di panico, ansie, depressioni.

 

Quali sono le vostre strategie di approccio e di comunicazione?
L’anonimato è una prima garanzia, per dare a questi ragazzi uno spazio dove sentirsi liberi; il nostro è un centro dove siamo inclini a fornire il massimo ascolto, non solo con l’orecchio, ma offrendo un luogo in cui loro possano sentirsi liberi di sfogarsi e confrontarsi in un posto protetto e attento alle loro esigenze più profonde.

 

Ricordiamo che il centro ARIA è completamente gratuito; a seguire, i contatti:
Via Giolitti 40/B
tel 011.81.26.637
e-mail aria@comune.torino.it
aperto: lunedì dalle 15.00 alle 18.00, mercoledì dalle 14.00 alle 17.00, venerdì dalle 10.00 alle 13.00
www.arianetwork.it
https://www.facebook.com/ariatorino

 

 

 

Fonte: Associazione Volonwrite

Redazione: Polo cittadino della Salute

  • sabato, 6 Luglio 2013