Questo è il sito de La Salute a Torino:


La Salute a Torino - Città di Torino




Torna su


Percorso a briciole di pane: Città di Torino » La Salute a Torino » BAMBINI - FAVOLE RACCONTATE IN PIAZZA


A Torino in Largo IV Marzo, tutti i martedì alle 18.34, un attore intrattiene il pubblico raccontando una fiaba

A qualcuno è anche capitato di passarci senza capire un granché di quello che stava accadendo. Ma tant’è, in Largo IV Marzo succedono anche cose davvero inusuali: tutti i martedì alle 18.34 un attore intrattiene il pubblico (occasionale o meno) raccontando una fiaba. Cosa che spiega la presenza di tanti bambini tra la piccola folla. Ma non soltanto di pargoli festosi è composto l’eterogeneo pubblico di ascoltatori. Adulti incuriositi si raccolgono con i bimbi per il puro piacere di ascoltare una fiaba in uno dei luoghi più affascinanti del centro storico.

Una vicenda iniziata lo scorso 17 gennaio che proseguirà fino all’8 gennaio 2013. L’iniziativa la spiegano Girolamo Lucania e Marco Gobetti, i due ideatori del progetto 52 Fiabe: “Lo scorso autunno ci siamo ricordati di quando a raccontare le fiabe erano le nostre nonne. In Sicilia lo facevano spesso nei cortili di casa. Così ci siamo detti che questo antico rito dell’incontro serale in cortile è scomparso, e forse potevamo provare a ricrearlo in strada”. Martedì scorso, per esempio, è stata la volta del Principe Ivan e a raccontare la favola russa era l’attore Fabio Bisogni.

Il progetto infatti non prevede soltanto le fiabe della tradizione italiana. Ma fiabe di tutto il mondo: indiane, cinesi, arabe, giapponesi, irlandesi e peruviane. Poi talvolta la proposta si sposta ai classici: Hansel e Gretel, Jack e il fagiolo magico, il Cunto de li cunti di Basile. Il 17 luglio sarà la volta di Cenerentola.

Al debutto dello scorso gennaio per la prima fiaba gli spettatori erano stati tre, raccontano sorridendo gli organizzatori. Oggi sono una trentina, ma il numero aumenta poco per volta, costantemente. Un progetto che nasce per i famigerati tagli alla cultura? “No, non chiediamo finanziamenti pubblici. Chi vuole può dare il suo contributo finanziando dal basso quella che in realtà è una coproduzione popolare: chiunque può sostenere il progetto e impegnarsi a finanziarne la realizzazione con una o più quote da 15 euro. Ma anche se non raggiungessimo la cifra necessaria a produrre il progetto arriveremo comunque all’8 gennaio 2013. Oggi gli spazi in cui recitare sono pochi, e bisogna andare in strada, incontro al pubblico. E poi non possiamo mica deludere gli aficionados del martedì alle 18.34…”. Ogni performance viene ripresa in video e caricata sul sito internet dell’iniziativa (http://52fiabe.wordpress.com/) per documentare il progetto.

Per saperne di più…

 

 

Fonte: CittAgorà

Redazione: Polo cittadino della Salute

Torna su


Torna su

Polo cittadino della Salute

Corso San Maurizio 4
Tel. 011.19784536 Fax 011.5363377
e-mail: polo.salute@comune.torino.it

REDAZIONE
e-mail: redazione.lasaluteatorino@comune.torino.it