Si sono conosciuti nei corridoi dell’unità spinale di Torino. Quattro anni fa hanno dato vita a Viaggio Italia, un tour speciale fatto di sport (anche estremi), incontri e sfide, tutte affrontate a bordo della loro carrozzina. Prossime tappe in India, Brasile, Sud Africa

ROMA – A volte le amicizie più importanti nascono nei momenti più difficili. Per Danilo e Luca è stato così. La loro amicizia è iniziata nei corridoi dell’unità Spinale di Torino oltre 20 anni fa, dopo un incidente, un evento drammatico che Danilo e Luca hanno scelto di vivere come “un inizio”. L’inizio di una nuova vita, di un nuovo modo di vedere le cose, di una nuova avventura. Forti, pieni di vita, sempre allegri, Danilo e Luca quattro anni fa hanno dato vita a Viaggio Italia, un viaggio speciale fatto di sport (anche estremi), incontri, prove e sfide, tutte affrontate a bordo della loro carrozzina. L’obiettivo del viaggio è dimostrare che vivere, e non sopravvivere, con una disabilità è possibile: chiunque ha diritto di viaggiare, lavorare, fare sport. Danilo Ragona è un progettista e designer, Luca Paiardi è architetto e musicista, il loro Viaggio Italia è una storia di coraggio, libertà e autonomia, un inno all’amore per la vita e alla forza di non arrendersi di fronte alle difficoltà, alla scoperta dei propri limiti con il desiderio di superarli o anche solo di riconoscerli. Iniziato come una scoperta di se stessi, di anno in anno Viaggio Italia è cresciuto e diventato sempre più importante, esteso e ambizioso. Strutturato come un viaggio a tappe, nella scorsa edizione Viaggio Italia è sbarcato per la prima volta in Europa, a Fuerteventura. Quest’anno l’avventura di Danilo e Luca cresce ancora: dall’Europa al mondo, Viaggio Italia arriverà fino a Rio de Janeiro, in India e in Sud Africa.

La tappa in Brasile, dal 9 al 19 febbraio, vedrà Danilo e Luca partecipare al celebre Carnevale di Rio, la coloratissima parata di carri che sfileranno al Sambodromo, e visitare alcuni simboli della città come il Pan di Zucchero, il Cristo Redentore e la spiaggia di Copacabana. Ma la tappa brasiliana è ancora ricchissima di appuntamenti: i due amici si cimenteranno in percorsi off road a bordo della Jeep allestita con i comandi di guida; incontreranno gli atleti paralimpici che faranno provare a Danilo e Luca alcune esperienze sportive, come per esempio il canottaggio; visiteranno uno dei centri specializzati nella riabilitazione, per portare la loro storia alle persone disabili ricoverate e parleranno di innovazione inclusiva all’Istituto Europeo di Design di Rio.

Dal Sud America al Sud Africa, dal 28 marzo al 10 aprile Viaggio Italia arriverà in Botswana, dove Danilo e Luca parteciperanno a un safari in campo tendato completamente accessibile, a contatto con la vita selvaggia, in compagnia di altri viaggiatori. Un tuffo nel cuore pulsante dell’Africa, durante il tour i due amici vivranno un mix autentico di natura e cultura grazie all’incontro con la popolazione locale: i Boscimani.

L’ultima tappa extraeuropea si svolgerà in India – Ladakh, dal 23 luglio al 5 agosto. Ladakh è una regione dello stato federato Jammu-Kashmir che confina con la Cina e il Pakistan ed è incastonata tra le incredibili catene montuose del Karakorum e Himalaya. Passando per le città di Delhi e Leh, Danilo e Luca arriveranno al villaggio di Lamayuru, sede di uno dei più grandi e antichi monasteri buddisti di tradizione tibetana sul suolo indiano. Un’esperienza unica di spiritualità e bellezza, a contatto con la popolazione locale, resa possibile grazie all’associazione Orient@menti e all’amico Mario Stefani, impegnati in un bellissimo progetto di sostegno ad una scuola del posto. La prima tappa nel nostro paese, invece, sarà a Milano, il 27 febbraio, per la sfilata di moda Modelle&Rotelle, e a seguire Bologna, dal 18 al 20 aprile, in occasione fiera Exposanità, e Ravenna, dall’11 al 18 maggio.

Sport estremi, incontri, peripezie, tra le tante avventure ci sono due cose che in ogni tappa non mancheranno mai: lo sport e le visite nelle unità spinali. Le Unità Spinali perché sono il posto dove chi ha avuto un incidente, come Danilo e Luca, inizia a capire come riprendere a vivere. L’impegno è quello di portare in questi luoghi un messaggio semplice, fatto di esempi e testimonianza, per raccontare che la vita in autonomia è possibile!

Lo sport è fondamentale per Danilo e Luca. E’ stato uno strumento di riabilitazione dopo l’incidente e oggi è il loro modo di raccontarsi. Luca è il numero 7 in Italia di tennis in carrozzina ma in Viaggio Italia lo vedremo cimentarsi, insieme a Danilo, in imprese molto diverse, dal surf allo sci, dal rally al parapendio

Fonte: superabile.it

(s.c./l.v.)