Parte in aprile la raccolta fondi di OBM Onlus per permettere a uno dei più importanti ospedali lombardi e italiani, il Buzzi, di aiutare i bambini prematuri. Obiettivo: 200 mila euro per acquistare strumenti molto speciali. Il primo evento durante il Salone del libriMobile di Milano grazie a una vendita di libri molto speciali.

Sono veramente piccoli. Possono pesare 500 grammi e in Italia ne nascono 40 mila ogni anno. Sono i neonati prematuri.

Nel 2015 nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale e di Patologia Neonatale dell’Ospedale Vittore Buzzi di Milano sono stati ricoverati circa 400 neonati, di cui 50 gravemente prematuri; 40 sottoposti ad operazioni chirurgiche importanti; 100 bisognosi di un supporto cardiorespiratorio intensivo. Questi numeri sono destinati a raddoppiare a partire dai prossimi mesi in virtù della recente organizzazione degli ospedali della Lombardia: il Buzzi infatti sarà il cuore del nuovo polo pediatrico, della mamma e dell’età evolutiva con gli Ospedali Sacco, Fatebenefratelli e Macedonio Melloni. Per potere valutare se le terapie utilizzate per la loro crescita sono corrette sono necessari strumenti particolari. Nello specifico sarebbero necessari due sistemi pletismografici in grado di misurare accuratamente la composizione corporea – massa grassa e massa magra – nel neonati, seguendoli nel loro percorso di crescita.

Una valutazione delle esigenze nutrizionali in neonati in condizioni critiche basata su parametri rigorosi può essere determinante per il buon esito del loro percorso di cura – spiega la Dottoressa Angela Bosoni, Vice Presidente di OBM OnlusInoltre tale strumentazione si integrerebbe in un progetto più ampio per l’ottimizzazione della nutrizione in età neonatale e pediatrica che la nostra Associazione intende perseguire ben sapendo quanto questo aspetto sia determinante nei primi anni di vita”.

E più i neonati sono piccoli, più gli strumenti sono sofisticati. Per questa ragione servono 200 mila euro. BBooksGrenke hanno deciso di supportare OBM, la Onlus dell’Ospedale dei Bambini di Milano Buzzi, nella raccolta dei fondi necessari. Da un lato BBooks ha scelto di mettere a disposizione la sua prima collezione, Gaia, per una serie di mostre che toccheranno alcune grandi città italiane (Firenze, Venezia, Torino, Roma, Bari, Milano); dall’altro Grenke si è impegnata direttamente a sponsorizzare l’iniziativa e a raccogliere fondi anche attraverso il suo network di partner. L’iniziativa prevede, oltre alle mostre, la realizzazione di un volume a tiratura limitata dedicato alla storia del libro e di come i BBooks si inseriscono in questa vicenda.

L’acquisto sarà riservato a tutti coloro che effettueranno una donazione. Qualora si presentino manifestazioni di interesse per l’acquisto di uno dei BBooks, Alessandro Curioni si è detto pronto a devolvere il ricavato a favore dell’iniziativa. Il primo evento si svolgerà presso il Mudec di Milano il prossimo 13 aprile, in occasione del Salone del Mobile. L’intera collezione BBooks sarà esposta presso il Design Store del Museo, per l’intera durata della manifestazione milanese.

Fonte: vita.it