Consueto appuntamento con la raccolta di fondi per la ricerca sul cancro. 2500 siti coinvolti. 9 euro per una rete da due chili e mezzo di frutta e un manuale per il vivere sano

arancie

Dalla Sicilia al Trentino Alto Adige, dal Molise alla Sardegna, dalle grandi città ai piccoli centri di provincia l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) rinnova l’appuntamento con «Le Arance della Salute». Sabato 30 gennaio, oltre 15mila volontari Airc saranno presenti in 2.500 piazze per raccogliere nuove risorse da destinare al lavoro di circa 5.000 ricercatori e ricordare che l’attività fisica regolare e un regime alimentare sano sono fondamentali per prevenire il rischio di cancro.

Come da tradizione le Arance della Salute di Airc sono tutte italiane e rigorosamente rosse, perché contengono gli antociani, pigmenti naturali dagli eccezionali poteri antiossidanti, e circa il quaranta per cento in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi.

Per ribadire l’importanza dell’attività fisica regolare e della sana alimentazione, a fronte di una donazione di 9 euro, insieme alla reticella da 2,5 kg di arance, verrà distribuita la Guida «Muoviamoci contro il cancro» con preziose informazioni sugli esercizi indicati per ogni età, un’esclusiva intervista alla campionessa e testimonial Airc Flavia Pennetta, e sane e gustose ricette realizzate appositamente dallo chef stellato Moreno Cedroni in collaborazione con La Cucina Italiana.

«Le Arance della Salute sono il nostro primo appuntamento nazionale di raccolta fondi per il 2016», ha ricordato Federico Caligaris Cappio, nuovo Direttore Scientifico Airc. «Si tratta di un’iniziativa storica della nostra associazione attraverso la quale puntiamo a raccogliere oltre 2 milioni e 300 mila euro per continuare ad alimentare il lavoro dei nostri circa 5.000 ricercatori impegnati quotidianamente nei laboratori di tutta Italia per rendere il cancro sempre più curabile», ha aggiunto.

Fonte: lastampa.it

(s.c./s.f.)