Diritti del bambino alla salute: da domani “In farmacia per i bambini”

In occasione della Giornata Mondiale dei diritti dell’Infanzia del 20 novembre, per sensibilizzare i diritti del bambino alla salute, al via la terza edizione dell’iniziativa “In farmacia per i bambini” per donare prodotti pediatrici e farmaci

bambini

La data del 20 novembre segna il giorno in cui l’Assemblea ha adottato la Dichiarazione dei diritti del bambino, nel 1959, e la Convenzione sui diritti del fanciullo, nel 1989. Per questo motivo la Giornata Mondiale dei diritti dell’Infanzia avviene proprio in questa data. La convenzione, che rappresenta il Trattato Internazionale sui diritti umani più ampiamente ratificato, stabilisce una serie di diritti del bambino, tra cui il diritto alla vita, alla salute, all’istruzione e il gioco, così come il diritto alla vita familiare, di essere protetti dalla violenza, di non essere discriminati e di sentire la loro voce. Per questo motivo, nella giornata di domani, la Fondazione Francesca Rava ha indetto per la terza volta l’iniziativa “In farmacia per i bambini” che vedranno 1117 farmacie italiane raccogliere farmaci e prodotti pediatrici.

Diritti del bambino alla salute: da domani “In farmacia per i bambini” per la giornata della solidarietà e del volontariato – Domani, i volontari della Fondazione Francesca Rava saranno insieme ai farmacisti aderenti all’iniziativa “In farmacia per i bambini” per sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti del bambino alla salute raccogliendo farmaci e prodotti pediatrici che saranno devoluti a 250 enti e Case famiglia che danno un aiuto concreto a bambini che vivono in condizioni critiche e di povertà sanitaria su tutto il territorio italiano. Inoltre, parte della raccolta sarà donata all’Ospedale pediatrico St Damien di Haiti, paese del quarto mondo dove un bambino su tre muore prima dei 5 anni.

Diritti del bambino alla salute: da domani “In farmacia per i bambini”. L’obiettivo della Fondazione – L’obietto che quest’anno la Fondazione Francesca Rava si è prefissato è ancora più grande in quanto, da ormai due anni, affronta anche l’emergenza dei bambini migranti e delle loro famiglie inviando team di medici volontari sulle Navi della Marina Italiana nel Mediterraneo per l’assistenza sanitaria. “L’unica cosa che tutti i bambini hanno in comune sono i loro diritti. Ogni bambino ha il diritto di sopravvivere e prosperare, di essere educato, di essere libero da violenza e abusi, di partecipare e di essere ascoltato“. Segretario Generale Ban Ki-moon.

Fonte: cno-webtv.it

(s.c./s.f.)