Dall’1 al 18 febbraio, con un SMS o una telefonata da rete fissa al numero 45504 sarà possibile donare 2 o 5 euro a Fondazione Mission Bambini per salvare i bambini cardiopatici nati nei Paesi più poveri.

elvisFebbraio 2015. Molti bambini nati cardiopatici sono affetti da Tetralogia di Fallot: una malformazione anche detta sindrome del bambino blu, perché i bimbi che ne soffrono presentano una carnagione bluastra dovuta alla scorretta ossigenazione del sangue. Le estremità del corpo, le mani, i piedi e le labbra diventano pian piano blu. Dall’1 al 18 febbraio abbiamo tutti la possibilità di contribuire a salvarli, donando alla Fondazione Mission Bambini 2 o 5 euro con un SMS o una telefonata da rete fissa al numero 45504. Sui social media la raccolta fondi è promossa con un cuore blu attraverso l’hashtag #APPICCICAMI.

Nascere con una cardiopatia in Paesi come lo Zimbabwe, la Birmania o l’Uzbekistan può significare avere pochi giorni, settimane o mesi di vita. Nel mondo ogni anno nascono 1 milione di bambini col cuore malato: nei Paesi occidentali vengono tempestivamente operati, in quelli più poveri possono passare anni solo per avere una diagnosi corretta. E spesso purtroppo alla diagnosi non segue alcuna cura.

Dal 2005 la Fondazione Mission Bambini raccoglie fondi per salvare i bambini cardiopatici nati nei Paesi più poveri. L’obiettivo complessivo del progetto “Cuore di bimbi” per il 2015 è salvare la vita di 250 bambini, attraverso le missioni all’estero di medici italiani volontari (ad esempio in Birmania, Somalia, Uganda e Uzbekistan), oppure portando i piccoli pazienti in Italia se dove sono nati mancano non solo i medici in grado di operare ma anche strutture ospedaliere adeguate (ad esempio lo Zimbabwe). Una terza modalità di intervento è quella di donare agli ospedali locali attrezzature e materiale medico oppure aiutare le famiglie più povere a sostenere il costo dell’operazione (Cambogia, Romania).

“In nove anni – dichiara Goffredo Modena, Presidente di Mission Bambini – abbiamo salvato attraverso un intervento di cardiochirurgia pediatrica 1.373 bambini. Grazie ai medici che partono volontari in missione – sacrificando spesso le proprie ferie – e grazie alle collaborazioni sviluppate con associazioni e ospedali locali. Ma per salvare tante vite è indispensabile anche il sostegno di tanti italiani che ogni anno raccolgono il nostro appello a donare, anche con un semplice SMS”. Per informazioni: www.missionbambini.org.

Mission Bambini ringrazia Federica Panicucci e Iaco-Dj Squalo di Radio 105, protagonisti della campagna di comunicazione per la promozione dell’iniziativa. Grazie anche a tutti i testimonial della Fondazione – in particolare: Anna Valle, Max Pisu, Luisa Corna, Ellen Hidding – e ad Artcan.

Numero di SMS: 45504
Periodo: 1 – 18 febbraio 2015
Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale con TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce. Sarà di 2 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da telefono fisso Vodafone, TeleTu e Twt oppure a scelta di 2 o 5 euro da telefono fisso Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

Fondazione Mission Bambini
Mission Bambini, Fondazione italiana nata nel 2000 con il nome di “aiutare i bambini”, ha lo scopo di dare un aiuto concreto ai bambini poveri, ammalati, senza istruzione o che hanno subito violenze fisiche e morali. Sostiene in Italia e nel mondo progetti di accoglienza, assistenza sanitaria, sicurezza alimentare ed educazione. In 15 anni di attività, la Fondazione ha sostenuto più di 1.200.000 bambini finanziando 1.250 progetti di aiuto in 72 Paesi. Il Bilancio è pubblico e certificato. Sito internet: www.missionbambini.org.

Foto allegata:
ELVIS è stato il primo bambino salvato grazie al progetto “Cuore di bimbi” della Fondazione Mission Bambini. Nell’autunno del 2005 è stato operato al cuore in Italia. Oggi Elvis sta bene e vive nel suo Paese, lo Zimbabwe.

Fonte: missionbambini.org