‘Aiutare i bambini: c’è qualcosa di più dolce?’. E’ la campagna di Codè Crai Ovest, con Ascom-Confcommercio, per raccogliere fondi per la Fondazione Crescere Insieme panettoneal Sant’Anna e contribuire al nuovo reparto di neonatologia con la vendita di panettoni Maina. Madrina dell’iniziativa, in programma il 6 e 7 dicembre nelle piazze cittadine e in 30 supermercati Crai, Alena Seredova che ha tagliato un panettone da 500 kg. “Pensate ai meno fortunati”, è l’appello della Seredova ai neogenitori.

Il maxi panettone tagliato simbolicamente oggi sarà donato alla Piccola Casa della Divina Provvidenza, un primo gesto di solidarietà in attesa del week end di vendita dei dolci natalizi. Il costo, 10 euro, andrà interamente alla Fondazione Crescere Insieme al Sant’Anna per il completamento del nuovo reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva, lavori da oltre 2 mln.

“Contiamo di inaugurare la Terapia Intensiva il prossimo Natale – ha detto il primario di Neonatologia Daniele Farina – e sarà la nuova casa di questi bambini e dei loro genitori che grazie a nuovi spazi più adeguati potranno sempre restare vicini ai loro figli. E questo grazie ai torinesi che sono sempre aperti alla solidarietà”. L’iniziativa potrebbe non fermarsi qui.

Il presidente di Crai Secom Piero Boccalatte ha infatti rilanciato un’idea del dottor Farina, di estenderla a tutta Italia abbinandola agli ospedali di ciascuna città, “una bellissima iniziativa che vorrei portare avanti”. A fare un appello ai neogenitori è stata la madrina Alena Seredova. “Chiedo a chi ha avuto la fortuna di uscire dall’ospedale con la sua creatura fra le braccia subito dopo la nascita – ha detto – di dare una mano, comprando questo panettone, a chi questa fortuna non ce l’ha”. Appello da tempo raccolto dall’Ascom che, come sottolinea la presidente Maria Luisa Coppa, “vuole concretamente contribuire sempre più al miglioramento delle condizioni dei piccoli ricoverati”.

Fonte: 12alle12.it