Contribuire al progresso scientifico semplicemente mettendo il proprio smartphone in carica prima di andare a letto

è l’ambizioso progetto lanciato dalla HTC, nota azienda di telecomunicazioni.

Come funziona? È presto detto. È sufficiente scaricare un’app gratuita, collegare il proprio cellulare al wi-fi di casa, tenerlo in carica preferibilmente durante la notte ed il gioco è fatto.

Con questo semplice gesto, infatti, l’utente consentirà al suo telefonino di diventare un sorta di micro ripetitore per la diffusione e lo scambio h24 di dati tra le più grandi Università e laboratori scientifici del mondo.

Contribuendo all’evoluzione dei progetti e a risolvere i grandi interrogativi rimasti ancora aperti in ambito medico e non solo. Dal cancro all’AIDS o l’Alzheimer, fino alla presenza di altre forme di vita nell’universo. Diventando così parte di un nuovo sofisticatissimo network globale capace di sostituire i super computer usati fino ad oggi dalla scienza. Più potente grazie all’apporto congiunto degli avanzati dispositivi a disposizione di ciascuno.

 

Fonte: west-info.eu/it

(n.s./c.p.)