Abbattere gli sprechi e fare di Lisbona la prima città senza fame né dispersione alimentare nel 2014. Il tutto con una semplice bicicletta

È questo l’ambizioso obiettivo di Re-food. Un progetto, poi diventato un’organizzazione senza scopo di lucro, nato a Lisbona dall’iniziativa di Hunter Halder, al fine di recuperare tutti i generi alimentari avanzati in bar, ristoranti, panetterie e supermercati del quartiere Nossa Senhora de Fátima, e distribuirli porta a porta ai cittadini in difficoltà della zona.

Un’iniziativa nata a marzo 2011 da una sola persona, Halder. Che oggi contra più di 300 volontari in bicicletta, 115 locali e oltre 200 tavole calde che hanno aderito alla rete.

Attiva adesso in 10 quartieri strategici, in vista della conquista a tappeto dell’intera capitale portoghese, e della progressiva estensione dell’idea.

 

Fonte: west-info.eu

(c.p.)