Archivi mensili: Marzo 2014

Ecco perché il non profit può salvare i servizi sociali

logo non profitIn un momento in cui i soldi vengono a mancare e il debito pubblico rischia di paralizzare il Paese, c’è un modo per evitare che le persone più deboli si vedano private di una copertura sanitario-assistenziale dignitosa? Oppure dovrà calare l’attenzione sulla qualità dei servizi di welfare il cui bisogno in una società moderna è sempre più complesso e differenziato? (altro…)

Don Ciotti: “Solidarietà non sia tappabuchi della politica”

“Attenzione che la solidarietà non diventi il tappabuchi di un sistema che deve accollarsi fino in fondo la propria responsabilità” in un momento in cui “in Italia ci sono 9 milioni di persone in condizione di povertà relativa, 5 milioni in una situazione di povertà assoluta e dove ci sono 7 milioni di persone che vivono il disagio lavorativo”.  Così Don Luigi Ciotti, del gruppo Abele, oggi a Genova per partecipare al X Incontro Nazionale dei giovani in Servizio Civile, promosso dagli enti del Tavolo ecclesiale.

I clochard al lavoro nelle biblioteche comunali

Dare un impiego ai senzatetto e aiutarli nel reinserimento sociale. E’ il progetto a cui sta lavorando il Campidoglio e l’annuncio è arrivato dal sindaco Marino: “Potremmo far lavorare i senzatetto nelle biblioteche” (altro…)

Se ci fosse davvero l’impresa sociale

Housing sociale, gestione dell’acqua, cooperazione internazionale e riqualificazioni aziendali. Ecco perché serve una nuova legge. E per far ripartire la corsa verso la riforma Vita e la Bocconi, in collaborazione con Make a Change organizzano a Milano un convegno con il ministro Poletti e il sottosegretario Bobba. Ecco come partecipare  (altro…)

Torna su ↑

Torna su