Finanzierà la scuola calcio Total Sport, una delle prime in Italia dedicata ai giovani atleti diversamente abili. Venticinque immagini in vendita nell’osteria Ghiottus Taberna, in via Rattazzi 2 a Torino, tra sorrisi paesaggi e lampi di vita, saranno esposte per un mese…

le venticinque fotografie che verranno messe in vendita a sostegno del progetto benefico. Tutte le foto, pur essendo perfettamente capaci di comunicare anche “senza parole”, vivono dell'”interpretazione” offerta con ironia e fantasia dal loro titolo. L’esposizione segue una sorta di percorso: sulle prime immagini il titolo è colorato e molto evidente, ma via via si rimpicciolisce e negli ultimi scatti, quando il visitatore ha già compreso il gioco, va quasi cercato.

La mostra è visibile negli orari d’apertura della Taberna, a pranzo e a cena, tranne la domenica.

… C’è una catasta di sedie metalliche coperte di neve e sullo sfondo, sfocato dal movimento in un bianco e nero che sa di gelo, un passante che va di fretta; il titolo, con caratteri di macchina per scrivere, recita beffardo: “Mi siedo dopo”. Poi si vede piazza San Carlo nella penombra di un tramonto rosso fuoco, il sole come una goccia di luce dorata in cima al campanile di Santa Cristina che pare quasi un cero acceso: “Piazza San Carlo a lume di candela”. E ancora, un cielo turchese che si specchia in una piscina in riva al mare e, su una balaustra, il cartello “Piscina piena d’acqua. Pericolo”; qui il titolo dice sulfureo: “Togliere il tappo prima di tuffarsi”. E poi la macchia colorata di una fanfara di bersaglieri di corsa in via Roma, i lampi luccicanti degli ottoni tra le loro braccia, e la duplice battuta: “Segui la musica!”, “Sì, se rallenti…”.

Guarda la fotogallery

L’ironia è il fil rouge del lavoro fotografico di Roberto Orlando, che condensa nelle sue immagini due passioni e due abilità: quella, ovviamente, per la fotografia, un’antica inclinazione coltivata con mestiere ed esperienza quasi professionale, con la quale racconta il mondo cercandone gli angoli più curiosi e le inquadrature meno scontate, capaci di sorprendere e strappare un sorriso; e quella che gli deriva dal suo lavoro di giornalista (è vicecaporedattore di Repubblica Torino), bravo a sintetizzare in un titolo o una didascalia fulminante l’essenza di una notizia, l'”anima” di uno scatto. Passione e abilità che Orlando mette ora al servizio di una nobile causa: le sue fotografie serviranno infatti a finanziare l’attività dell’Asd Total Sport, la scuola calcio dedicata ai ragazzi diversamente abili che ha nel difensore juventino Giorgio Chiellini un amico e testimonial d’eccezione.

 

Fonte: torino.repubblica.it

(r.b./c.p.)