Palazzo Barolo, Salone d’onore

Venerdì 19 maggio dalle 17.00 alle 19.00

Ingresso da Via Corte d’Appello 20, Torino

 

Presentazione nell’ambito del SALONE DEL LIBRO OFF di due   progetti editoriali che hanno come tema il viaggio, le pratiche di archiviazione e la relazione tra arte contemporanea ufficiale e le operazioni “fuori cornice”.

 

LA CITTÀ NARRANTE di MAYA QUATTROPANI e ERNESTO LEVEQUE
Presentazione del Diario di viaggio, 2013-2014, scritto dai due artisti durante otto mesi di lavoro di ricerca co-autoriale. Un dialogo fra le esperienze artistiche contemporanee con il patrimonio del Museo di Antropologia ed Etnografia dell’Università di Torino, come parte del progetto L’Arte di Fare la Differenza II Edizione, ideato e coordinato da Anna Maria Pecci, a cura di ARTECO.
Edizioni Inaudite, Torino, 2016-2017

 

Intervengono:
Barbara Fragogna (fondatrice e curatrice delle Edizioni Inaudite)
Ernesto Leveque & Maya Quattropani (artisti, autori del libello)
Gianluigi Mangiapane (Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, Università di Torino – Referente per il Museo di Antropologia ed Etnografia)
Anna Maria Pecci (antropologa museale, fondatrice del progetto AFD)
Tea Taramino (Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie, Arte Plurale)
Arteco (curatori del progetto AFD).

 

O’ DI MARCO FATTUMA MAÒ

Presentazione a cura dell’artista di O’, auto catalogazione in sei volumi. Un viaggio circolare nel tempo che ha come inizio da: soggetto ritratto nella celebre opera The Cage (Gabbia con mulatto che scopa) in catalogo Gian Enzo Sperone 1976, a Performance di Artista su Opera MAXXI 2011, Roma, dove, spazzando davanti a The Cage, Lui si riappropria, passando in un Tempo differente, dell’identità di Uomo per poi essere ed ergersi a come Il Pulitore in QUI 2013 Louvre, Parigi. Uno “scambio di ruoli” forse unico nella Storia dell’Arte, che inaugura un personale percorso estetico e filosofico sui temi dell’incontro, del tempo e del viaggio. La fotografia è sempre la testimone degli eventi. Una collaborazione fra InGenio Arte Contemporanea e FOND/AZIONE.

Prinp 2.0 Editore,  2017 Torino.

Marco Fattuma Maò. Nato a Mogadiscio, Somalia nel 1957. Entra nel mainstream con Zungentatterich 1983 galleria Franz Paludetto, ne esce volontariamente, dichiarando una non accettazione del sistema ufficiale dell’arte e prediligendo un percorso artistico autonomo, di ricerca e sperimentazione in qualsiasi campo.