Informa disAbile

mercoledì 13 dicembre 2017

Trasporti Ferroviari

Con l’entrata in vigore del Regolamento (CE) N. 1371/2007, è stata definitivamente introdotta l’accezione di «persona con disabilità» o «persona a mobilità ridotta» (PRM). Definizione che indica quelle persone la cui mobilità sia ridotta nell’uso del trasporto, a causa di qualsiasi disabilità fisica (sensoriale o locomotoria, permanente o temporanea), disabilità o handicap mentale. Il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario è stato voluto dall’Unione Europea per il rilancio del settore, attraverso il superamento del vecchio sistema incentrato sul monopolio delle aziende di Stato. Si è così avviato un nuovo sistema basato su una pluralità di imprese in concorrenza tra loro. I servizi di trasporto ferroviario locale a livello regionale su rete statale RFI (Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.) rimangono di competenza esclusiva delle regioni che li affidano in base a Contratti di servizio a imprese ferroviarie. Sulle tratte nazionali, a breve o lunga percorrenza, nuove società hanno attivato linee di trasporto che si differenziano nella scelta dei servizi offerti ai viaggiatori. Le persone con mobilità ridotta possono, oltre alla Trenitalia, trovare soluzioni di viaggio anche con Arena Ways e Italo.

Dal dicembre 2012 è attivo RFI risponde, il  nuovo canale di comunicazione con il pubblico per le segnalazioni sulle attività e i servizi di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), attraverso il quale è possibile inoltrare reclami e segnalazioni rispetto a disservizi e disagi vissuti da persone con disabilità sia riguardo all’assistenza a terra che all’accessibilità.

Consultare i siti delle compagnie per verificare gli orari e le tratte disponibili :

 

Continua sul sito

 

Continua sul sito


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 25 maggio 2016
 
Torna su