Informa disAbile

martedì 11 dicembre 2018

Maggiorazione trattamento pensionistico

Nel maggio del 1989 la commissione medica mi ha attestato un invalidità del 90% per ipovisione e nel 2002 la cecità assoluta. Con la legge 120 del 1991 i ciechi assoluti (mi pare anche gli ipovedenti) sono trattati allo stesso modo di Telefonisti ciechi (legge 113 del 1985). Ora, la mia domanda è: i quattro mesi di maggiorazione al trattamento pensionistico mi spettano anche per gli anni precedenti alla legge 120 del 1991? Come sono da calcolare frazzioni di anni di servizio? La finestra mobile di 12 mesi vale anche per invalidi?

Risposta

In merito al Suo quesito, si precisa quanto segue:

  • possono beneficiare della maggiorazione di 4 mesi per ogni anno lavorato “coloro che sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione”. Tale circostanza deve essere attestata su verbale sanitario rilasciato dall’apposita Commissione medica. Una invalidità al 90% per ipovisione non mi risulta sufficiente per il riconoscimento del beneficio in parola.
  • possono essere soggetti a maggiorazione tutti i periodi di effettiva attività svolta (quindi non vanno considerati i periodi coperti di contribuzione volontaria, figurativa o derivante da riscatto non correlato ad attivita’ lavorativa) in concomitanza con il requisito sanitario richiesto (che, ripeto, è la cecita’ assoluta ovvero residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione) anche se anteriori all’entrata in vigore della legge n. 120/91 (26.4.1991), che siano valutabili ai fini della liquidazione e della ricostituzione delle prestazioni pensionistiche aventi decorrenza successiva a tale data.

Il beneficio va concesso, proporzionalmente, anche per periodi di attivita’ inferiori all’anno aumentando di un terzo il numero delle settimane di lavoro svolto.

  • la legge n. 122/2010, che introduce la cd. finestra mobile, trascorsi 12 mesi per i lavoratori dipendenti e 18 mesi per i lavoratori autonomi dal raggiungimento del requisito, non prevede deroghe a favore dei disabili.

Ricordiamo però che per i soggetti privi di vista vi sono requisiti anagrafico/contributivi di pensionamento di vecchiaia ridotti, per cui nel caso essi siano già stati raggiunti garantendo la pregressa apertura della finestra, il pensionamento di vecchiaia può avvenire dal mese successivo alla presentazione della domanda (se cessata l’attività di lavoro dipendente)

Marzo 2010


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 22 marzo 2012
 
Torna su