Informa disAbile

lunedì 16 ottobre 2017

La Movida accessibile

Garantire la piena accessibilità alle persone con disabilità è un’ambizione spesso non priva di contrattempi e delusioni. Bisogna solo imparare a farci caso per scoprire che le barriere architettoniche sono davvero dappertutto, nei luoghi più impensati: negli uffici pubblici, nelle case, per la strada, al bar o al ristorante.

Impedire l’ingresso (magari senza volerlo) ad una persona disabile non richiede particolari accorgimenti, spesso basta non fare nulla.

Al contrario, favorire la piena accessibilità, richiede impegno, ragionamento e una specifica volontà di accoglienza di tutti.

“La Movida Accessibile” va proprio in questa direzione e si propone di informare le persone con disabilità di un primo gruppo di locali di ritrovo e di divertimento per i giovani.

La Città di Torino ha apprezzato molto il progetto dei giovani di Volonwrite e lo ha sostenuto fin dai suoi primi passi.

La composizione di questo primo catalogo, destinato a crescere e a coinvolgere altri operatori del commercio e dell’intrattenimento, ha richiesto un lungo lavoro di sopralluoghi sul campo, di misurazioni, di raccolta e sistematizzazione dei dati, di dialogo e confronto con i gestori dei locali che è durato parecchi mesi.

La guida è pensata per un suo costante aggiornamento in modo da permettere ai nostri giovani con disabilità di condividere, in assoluta libertà, con i propri amici anche momenti di relax e di divertimento potendo contare sulle indicazioni che la “Movida Accessibile” può fornire evitando così le spiacevoli sorprese dell’ultimo minuto privilegiando da subito locali adatti ad accolgiere chi è in carrozzina.

“La Movida Accessibile” è il risultato di uno sforzo condiviso che restituisce ai cittadini con disabilità uno strumento in più per scegliere, decidere e partecipare ma è anche un risultato che premia l’impegno solerte e affidabile di tutti i giovani che hanno partecipato alla sua costruzione.

Alla Città rimane il privilegio di essere stata al loro fianco e di aver contribuito alla realizzazione di un prodotto che a Torino mancava.

Scarica l’opuscolo de La Movida Accessibile


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 9 novembre 2015
 
Torna su