Informa disAbile

lunedì 23 ottobre 2017

Indennità di comunicazione per sordi

L’indennità di comunicazione per sordi è stata istituita con la legge 21 novembre 1988, n. 508 “Norme integrative in materia di assistenza economica agli invalidi civili, ai ciechi civili ed ai sordomuti” art. 4 comma 1.

Sono considerati requisiti necessari:

  • essere cittadino italiano o UE residente in Italia (per i cittadini extracomunitari consulta il sito“Informastranieri” del Comune di Torino)
  • essere stato riconosciuto sordo con le seguenti precisazioni:

–   se minore di 12 anni: l’ipoacusia deve essere pari o superiore a 60 decibel HTL di media fra le frequenze 500, 1000, 2000 hertz nell’orecchio migliore.

–  se maggiore di 12 anni: l’ipoacusia deve essere pari o superiore a 75 decibel. Viene inoltre richiesto di dimostrare che l’insorgenza dell’ipoacusia è precedente ai 12 anni

–  non ci sono limiti di età

–  non ci sono limiti di reddito

L’erogazione dell’indennità di comunicazione è incompatibile con l’indennità di frequenza (per i minori). È possibile scegliere il trattamento economico più favorevole tra l’indennità mensile di frequenza ed eventuali altre indennità.

L’importo mensile dovuto per l’anno 2015 è di:

  • euro 253,26 corrisposto per 12 mensilità. Spetta anche nel caso di ricovero in struttura residenziale.

Maggiori informazioni su inps.it


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 13 ottobre 2015
 
Torna su