Informa disAbile

venerdì 20 ottobre 2017

Indennità di accompagnamento per ciechi civili assoluti

L’indennità di accompagnamento per ciechi assoluti è stata istituita con la legge 28 marzo 1968, n. 406 “Norme per la concessione di un’indennità di accompagnamento ai ciechi assoluti assistiti dall’Opera nazionale ciechi civili”.

Sono considerati requisiti necessari:

  • essere cittadino italiano o UE residente in Italia (per i cittadini extracomunitari consulta il sito“Informastranieri” del Comune di Torino)
  • essere stato riconosciuto cieco assoluto
  • è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa
  • spetta, in misura ridotta, anche se l’invalido è ricoverato in istituto pubblico che provvede al suo sostentamento
  • è cumulabile con l’indennità di accompagnamento quale invalido civile totale o sordomuto (a condizione che dette provvidenze siano state riconosciute per minorazioni diverse)

–  non ci sono limiti di età

–  non ci sono limiti di reddito

Non hanno diritto all’indennità di accompagnamento per ciechi assoluti coloro che percepiscono indennità simili per causa di guerra, di lavoro o di servizio. È possibile scegliere il trattamento economico più favorevole tra l’indennità di accompagnamento ed eventuali altre indennità.

L’importo mensile dovuto per l’anno 2015 è di:

  • euro 880,70 corrisposto per 12 mensilità

Maggiori informazioni su inps.it


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 12 ottobre 2015
 
Torna su