Informa disAbile

domenica 8 dicembre 2019

Bonus utenze domestiche

Bonus elettrico

Il bonus elettrico è uno sconto sulla bolletta che assicura un risparmio sulla spesa per l’energia alle famiglie in condizione di disagio fisico. Tutte le famiglie in cui vivono cittadini affetti da una grave forma di malattia, che costringe all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali per la sopravvivenza della persona, hanno diritto a ricevere il bonus. In base alle condizioni cliniche del paziente ed alla necessità di utilizzo delle apparecchiature elettromedicali, verrà riconosciuto uno sconto sulla spesa per energia elettrica. 

Per approfondimenti visita il sito:  ARERA ( Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ; Città di Torino (Bonus Energia)

Gas

Il Bonus Gas è l’agevolazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di gas naturale nell’abitazione di residenza.

Hanno accesso al Bonus Gas:

  • i clienti domestici con indicatore ISEE (Indicatore di Situazione Economica Equivalente) non superiore a 7500 euro
  • le famiglie numerose (da 4 a più figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro

Il Bonus è determinato ogni anno dall’Autorità per l’energia che consente un risparmio del 15% circa sulla spesa media annua presunta per la fornitura di gas naturale (metano distribuito a rete, non vale per il gas in bombole o gpl), al netto delle imposte.

Il valore del Bonus è differenziato per:

  • tipologia di utilizzo del gas
  • per numerosità del nucleo
  • zona climatica.

Il Bonus vale 12 mesi e la domanda deve essere rinnovata ogni anno fino a quando sussistono i requisiti.

Modulo e informazioni sono disponibili sul sito dell’Autorità per l’Energia: ARERA ( Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente)

Acqua

Si tratta di una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale.

E’ stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell’articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all’anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

Fonte: ARERA ( Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente)

Dove
Le domande per  i Bonus devono essere presentate al proprio Comune o ai soggetti da esso designati (per es. CAF o Comunità Montane, ecc.)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 26 Settembre 2019
 
Torna su