Informa disAbile

venerdì 21 febbraio 2020

Certificato provvisorio di handicap

Il certificato di handicap viene rilasciato dopo che è trascorso un tempo variabile dalla data della domanda: dai quindici giorni del certificato provvisorio previsti dalla legge per i pazienti oncologici, a diversi mesi nei casi per i quali la legge non prevede l’urgenza.

Nel caso di pazienti oncologici o in fase terminale, la commissione medica deve rilasciare un certificato provvisorio utile anche per poter usufruire dei permessi retribuiti.

La legge (L. 423/1993) prevede che, trascorsi novanta giorni dalla presentazione della domanda, gli accertamenti devono essere effettuati da un medico specialista nella patologia dichiarata in servizio presso l’ASL da cui è assistito l’interessato.

Questo accertamento provvisorio vale fino all’emissione del certificato di handicap definitivo, ma solo ai fini dei permessi lavorativi retribuiti e dell’astensione di maternità facoltativa.


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 2 Ottobre 2019
 
Torna su