Informa disAbile

lunedì 11 dicembre 2017

Domiciliarità

Le famiglie, i cittadini e il nostro sistema di welfare da tempo si stanno orientando verso forme di assistenza e sostegno capaci di valutare e rispondere alle necessità individuali per contribuire ad un miglioramento della qualità della vita delle persone con “bisogni speciali”.

Nel sistema dei servizi cittadini l’insieme dei possibili interventi viene definito “domiciliarità”. Con tale termine non si intende esclusivamente quanto fornito al domicilio della persona disabile ma ciò che viene offerto per sostenerla all’interno del proprio nucleo, affinché possa continuare a vivere presso la propria abitazione, anche supportando i familiari nel lavoro di cura.

La diversità delle risposte è resa possibile grazie al lavoro congiunto tra servizi sociali e sanitari che, attraverso il funzionamento delle competenti unità valutative, definiscono Progetti Individualizzati (PAI) che vengono costantemente monitorati.

I PAI possono prevedere un mix di interventi tramite buono servizio, con prestazioni erogate dai fornitori accreditati o erogazioni economiche.

Per approfondimenti sul percorso di valutazione vai al sito Sportello Unico Socio Sanitario.

Per approfondimenti sugli interventi e sulle prestazioni domiciliari consulta la scheda “Interventi a sostegno della domiciliarità”.


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 15 gennaio 2015
 
 
 
Torna su