Informa disAbile

domenica 21 gennaio 2018

Accesso alla ZTL a Torino per i titolari di contrassegno disabili

Dal 16 febbraio 2004 è entrato in vigore il nuovo sistema di controllo dell’accesso alla ZTL tramite porte elettroniche (vedi mappa). Le targhe fotografate sono confrontate con quelle autorizzate a circolare, inserite in una banca dati. Chi circola senza autorizzazione nella ZTL centrale, nelle vie e nelle corsie riservate ai mezzi pubblici, incorre in una sanzione.
Il contrassegno di colore azzurro, rilasciato alla persona singola, deve essere utilizzato solo ed esclusivamente dall’interessato.

È possibile registrare un massimo di 2 numeri di targa per l’attraversamento della ZTL utilizzando l’apposito modulo h/2. L’eventuale  sostituzione del numero della targa autorizzato può avvenire attraverso l’utilizzo dell’ apposito modulo h/3.

Per i possessori di contrassegno di colore azzurro rilasciato da un altro Comune che si recano spesso in Città possono, motivando la richiesta (es. dichiarazione del datore di lavoro, ecc.), registrare le targhe dei veicoli all’Ufficio Permessi di Circolazione della Città utilizzando l’apposito modulo.

Dove

I titolari di contrassegno di colore azzurro residenti fuori Torino dovranno rivolgersi presso:
GTT – Gruppo Trasporti Torinese
Corso Turati, 13/d
Tel. 011.580.61.72
Fax 011.568.30.25

Per i cittadini residenti a Torino

Ufficio Permessi di Circolazione della Città di Torino
via Cavour 29/a angolo via Accademia Albertina
Tel 011 011 29034
Fax 011 011 33684 per informazioni relative ai Contrassegni invalidi
Fax 011 011 29040 per informazioni specifiche sugli altri permessi, di carattere generale sulla ZTL Centrale e ZTL Trasporto Pubblico

Chi non autorizzato, nella ZTL centrale, può essere esentato dalla sanzione entro i 10 giorni successivi all’ingresso in ZTL, presentano il modulo per l’esenzione. Possono utilizzarlo i disabili che non hanno dichiarato la loro targa o che provengono da fuori città (ulteriori informazioni)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 7 ottobre 2016
 
Torna su