Informa disAbile

martedì 7 aprile 2020
archivio notizie
Categorie

La modella senza braccia che sogna di diventare Miss Messico

Ana Gabriela Molina, 24 anni, laureata in psicologia ha deciso di sfidare pregiudizi e dopo la passerella vuole diventare portavoce di chi vive quotidianamente la disabilità

La modella senza braccia che sogna di diventare Miss Messico (Instagram @gabrielamolinads) shadow

La modella messicana Ana Gabriela Molina per un difetto congenito è nata senza braccia, ma ciò non le ha impedito di raggiungere traguardi importanti. La 24enne è laureata in psicologia e recentemente ha vinto il concorso di bellezza della sua città d’origine, Nanchital. Ora Ana è pronta a sfidare i pregiudizi sulla bellezza fisica con un ambizioso programma: partecipare nel giugno 2020 a Miss Messico per diventare la prima modella senza arti a trionfare nel concorso di bellezza nazionale.

Determinazione

Per riuscire nell’impresa Ana dovrà prima vincere Miss Veracruz, rassegna che si tiene nel marzo 2020 nello stato messicano. La modella che riesce a svolgere le attività quotidiane usando i piedi è fiduciosa e sa che avrà i riflettori puntati addosso. La rassegna può essere l’occasione per parlare di disabilità e diventare portavoce delle persone che quotidianamente combattono contro i pregiudizi: «Sono riuscita a superare tutto quello che mi è successo nella vita — ha dichiarato —. Non avere le braccia non mi ha impedito di mangiare, usare il telefono cellulare o scrivere».

Diventare un esempio

Ana è determinata e non teme la prossima sfida: «Affronterò gli stessi test di tutte le altre ragazze e li supererò — dichiara —. Mi sento come qualsiasi altra persona normale perché ho vissuto la mia vita allo stesso modo. Per me la disabilità non è affatto un limite». La ragazza che conta oltre 3 mila follower su Instagram tiene da anni conferenze motivazionali e occasionalmente lavora come modella per una linea di abbigliamento: «Voglio spianare la strada ai disabili e motivare le persone a fare ciò che veramente desiderano».

Fonte: corriere.it

(l.v. / c.a.)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 27 Gennaio 2020
Torna su