Informa disAbile

venerdì 15 novembre 2019
archivio notizie
Categorie

Fiabaday, giornata per l’abbattimento delle barriere architettoniche

Giovedì 3 ottobre la conferenza stampa di presentazione dell’evento organizzato da Fiaba Onlus. Il 6 ottobre la sede del Governo italiano aprirà le porte a gruppi di persone con disabilità. Appuntamenti per tutto il mese su tutto il territorio nazionale.

ROMA. Giovedì 3 ottobre alle ore 11, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio in via Santa Maria 37, si terrà la conferenza stampa di presentazione della “Giornata Nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche – Fiabaday”, ove Giuseppe Trieste, Presidente dell’associazione Fiaba Onlus, coadiuvato, in qualità di moderatore da Michele Cucuzza, illustrerà ai presenti le iniziative legate all’evento.

Il 6 ottobre 2019 a Roma, in piazza Colonna 370, si svolgerà “La Giornata Nazionale Fiabaday per l’abbattimento delle barriere architettoniche”, organizzata da Fiaba Onlus, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, con il patrocinio di Responsabilità Sociale Rai, Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Ministero della Giustizia, Ministero della Difesa, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero della Salute, Regione Lazio, Roma Capitale, e vedrà inoltre la partecipazione di numerosi ospiti.

Come nelle precedenti edizioni, dalle ore 9 alle 13.30, la sede del Governo italiano aprirà le porte a gruppi di persone con disabilità e loro eventuali accompagnatori, che potranno ammirare le sale interne del Palazzo previa prenotazione delle visite guidate attraverso l’indirizzo e-mail eventi@fiaba.org oppure telefonando allo 06 43400800. I visitatori saranno accolti dai funzionari di Palazzo Chigi e dallo staff di Fiaba Onlus mentre a piazza Colonna, fino alle ore 19, si terranno spettacoli e dibattiti per grandi e bambini.

Il Fiabaday proseguirà per tutto il mese di ottobre con eventi organizzati su tutto il territorio nazionale dai nostri partner sottoscrittori di Protocollo d’intesa e dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, attraverso i quali saranno effettuate visite in numerosi porti italiani. 

Fonte: redattoresociale.it

(lv/la)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 26 Settembre 2019
Torna su