Informa disAbile

mercoledì 23 settembre 2020
archivio notizie
Categorie

Messina: inaugurato il Bioparco delle neurofragilità

Ieri hanno ufficialmente preso avvio le attività del “Bioparco delle intelligenze e delle neurofragilità”, il nuovo centro di cura dedicato ai bimbi affetti da patologie neuropsicomotorie situato presso i locali dell’ex istituto Marino di Mortelle. In particolare, nella giornata di ieri si è tenuto il taglio del nastro alla presenza dei vertici dell’Irccs-Piemonte Vincenzo Barone (direttore generale) e Dino Bramanti (direttore scientifico), del direttore generale della ricerca scientifica del ministero della Salute Giovanni Leonardi, dell’assessore comunale ai servizi sociali Alessandra Calafiore, dell’arcivescovo di Messina Giovanni Accolla, della dirigente dell’assessorato regionale alla Sanità Letizia Diliberti e del presidente dell’Ordine dei medici di Messina Giacomo Caudo.
La storia del progetto. Il progetto nasce in linea con quanto previsto nel lascito dei Bosurgi Caneva, che avevano pensato all’ex istituto Marino di Mortelle come luogo di cura dei piccoli pazienti. In tal senso, nell’aprile 2017 comune di Messina, Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e Irccs Centro Neurolesi stipularono un apposito accordo per la realizzazione di un centro interamente dedicato ai bambini fragili in età evolutiva, e a partire da quella data sino alla giornata di ieri si è provveduto al rilascio delle autorizzazioni necessarie per raggiungere tale obiettivo. Ieri è stato il momento dell’avvio delle attività dell’Irccs rivolte a bambini affetti da patologie neuropsicomotorie, mediante l’applicazione di percorsi innovati, l’uso delle più innovative tecnologie riabilitative e l’ausilio degli interventi assistiti con animali.

continua su: messinaoggi.it

(lv/la) 


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 23 Luglio 2019
Torna su