Informa disAbile

lunedì 17 giugno 2019
archivio notizie
Categorie

Il servizio di Tundo finisce sotto inchiesta: denunce contro i dirigenti e l’ex assessora

«Tundo» ha appena vinto l’appalto dei trasporti disabili per il Comune. E il suo lavoro è finito sotto inchiesta. Il reato ipotizzato dalla procura è «interruzione di pubblico servizio». Pare che nessun nome sia ancora iscritto nel registro degli indagati, ma l’azienda di trasporti è finita nel mirino della procura su sollecitazione dei genitori dei bimbi che ogni giorno utilizzano il servizio di «scuolabus». Molte proteste. E altrettanti esposti sono arrivati sulla scrivania del pm Roberto Sparagna. Qualcuno ha anche indirizzato la denuncia in modo più preciso, indicando il nome dell’assessora comunale (ormai ex) all’Istruzione Federica Patti, oltre ai ruoli di legale rappresentante della «Tundo Vncenzo spa» e di «dirigente dell’Ufficio Servizi Educativi del Comune di Torino, ovvero il Responsabile Amministrativo apicale dell’Ufficio competente alla gestione del trasporto disabili».

Come base di partenza, gli inquirenti hanno gli esposti. Secondo le ricostruzioni fatte dai genitori dei bimbi, il servizio ha funzionato fino al settembre 2018. Alla «ripresa delle attività scolastiche, la ditta Tundo manifestava plurimi e ripetuti disservizi, in particolare non assicurando il trasporto dei minori secondo i tempi ed i modi concordati», scrive un genitore in una denuncia. In particolare, le rimostranze riguardavano «plurimi e continui mancati passaggi dei pulmini addetti al trasporto dei minori disabili». Situazioni portate all’attenzione degli «Uffici comunali competenti e dell’assessora Patti», ma «tali segnalazioni non determinavano alcun miglioramento ed, anzi, il servizio si rendeva ancor più provvisorio e saltuario tanto da aggravare il disagio». La denuncia prosegue con un elenco di mancanze: dal bimbo «dimenticato a scuola», agli orari del servizio cambiati all’ultimo momento o indicati in modo errato.

Fonte: lastampa.it

(c.a.)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 16 Aprile 2019
Torna su