Informa disAbile

venerdì 22 marzo 2019
archivio notizie
Categorie

Legge di Bilancio 2019: cresce l’attenzione verso le persone con disabilità

Dopo i risultati raggiunti nella precedente legislatura la Manovra conferma l’impegno dello Stato in questo ambito, ma lascia qualche punto in sospeso

Il governo gialloverde, insediatosi a giugno 2018, ha voluto rivolgere fin da subito un’attenzione simbolica al tema della disabilità, istituendo il Ministero per la famiglia e le disabilità. Dopo i significativi passi in avanti raggiunti nella precedente legislatura – in particolare la legge sul Dopo di noi e l’istituzione di un Fondo per il sostegno del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare – la Legge di Bilancio 2019 sembra rafforzare e confermare i provvedimenti già in essere, introduce anche alcune novità a sostegno delle persone con disabilità sensoriali e istituisce un Fondo volto a favorire l’accessibilità e la mobilità delle persone con disabilità. Rimane per ora in sospeso la discussione sulla ridefinizione dell’importo delle pensioni di invalidità, argomento affrontato a più riprese negli scorsi mesi in relazione al disegno delle nuove misure di contrasto alla povertà (reddito e pensione di cittadinanza): diversi osservatori auspicavano un suo inserimento nella Legge di Bilancio ma questo non è avvenuto (come vi abbiamo spiegato in questo approfondimento).

Fondi per il Dopo di noi e per i caregiver familiari

Come sottolineato, la precedente legislatura ha segnato significativi avanzamenti dal punto di vista della tutela e della promozione dei diritti delle persone con disabilità. La Legge n. 112 del 2016 – cosiddetta “Legge sul dopo di noi” – ha stabilito strumenti economici e interventi volti a favorire la deistituzionalizzazione delle persone con disabilità e, più in generale, la creazione di percorsi personalizzati miranti a favorire la vita indipendente (anche in relazione all’assenza o al venir meno di un supporto da parte della famiglia). La Legge di Bilancio 2019 amplia le risorse destinate al Fondo per il Dopo di noi, riportando la quota per il 2019 ai 56,1 milioni di euro inizialmente stanziati ma poi ridotti dalla precedente Legge di Bilancio a 51,6 milioni.

Il Fondo a sostegno dei caregiver familiari è stato istituito dalla Legge di Bilancio 2018 al fine di riconoscere e sostenere il valore economico e sociale del lavoro svolto dai caregiver familiari a favore dei propri congiunti non autosufficienti. A questo importante riconoscimento – di cui avevamo parlato con l’on. Bignami, promotrice della misura – la precedente Legge di Bilancio aveva destinato 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019, 2020. La destinazione concreta di tali risorse avrebbe dovuto essere oggetto di specifici interventi legislativi; nel corso del 2018 l’attività legislativa non si è concentrata su questo tema, perciò le risorse stanziate sono rimaste inutilizzate. La recente Legge di Bilancio 2019 incrementa la dotazione del Fondo di 5 milioni per gli anni 2019, 2020, 2021 ma non contiene elementi concreti utili a chiarire l’organizzazione di interventi e servizi volti ad attuare il Fondo. Complessivamente il Fondo potrà contare su 55 milioni di euro per il prossimo triennio.

Fonte: secondowelfare

(l.v. / c.a.)

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 9 Gennaio 2019
Torna su