Informa disAbile

martedì 22 settembre 2020
archivio notizie
Categorie

“AutoNOImia”, un documentario sul “dietro le quinte” del progetto di Parent Project

Dopo 12 mesi volge alla fine l’iniziativa dell’assoluzione, che ha proposto attività diverse e percorsi per l’inclusione sociale e la cittadinanza delle persone con disabilità nel 

contesto delle comunità locali. Le esperienze saranno raccolte in un annuario e raccontate in un documentario

ROMA – 12 mesi di attività diverse, ma accomunate dal medesimo obiettivo: valorizzare le capacità delle persone con disabilità, favorendo la loro autonomia e inclusione. Volge a conclusione il progetto “AutoNOImia. Percorsi sperimentali di inclusione sociale e cittadinanza attiva per le persone con disabilità nel contesto delle comunità locali”, promosso dall’associazione Parent Project onlus e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi della L. 383 del 7/12/2000 Anno 2016.

Nonostante gli ostacoli legati alla patologia con la quale convivono – la distrofia muscolare di Duchenne e Becker – i ragazzi e i giovani adulti che fanno parte della rete di Parent Project hanno tanti interessi, passioni e talenti che il progetto ha inteso valorizzare e “mettere in circolo”, rendendo i ragazzi protagonisti nel contesto delle loro comunità locali, facilitando al contempo l’inclusione e processi di cittadinanza attiva. Le attività che hanno visto protagonisti i giovani sono state numerose e variegate: chi ha scritto ed illustrato un libro, chi ha girato cortometraggi, chi ha organizzato mostre artistiche o fotografiche e chi ha contribuito alla diffusione di pratiche sportive accessibili o ha partecipato alla Milano Marathon in carrozzina. Le esperienze verranno raccolte anche in un annuario, elaborato graficamente da alcuni dei partecipanti. Intorno alle iniziative dei ragazzi si è creata una preziosa rete, composta da amici, familiari, insegnanti, istituzioni, che ha contribuito alla realizzazione e al successo del progetto.

A raccontare dell’iniziativa sarà il documentario “AutoNOImia: dietro le quinte”, che entrerà nel vivo del progetto, ritraendo tre storie in particolare, che simbolicamente rappresentano tutte le altre. Quella di Luca, Carlo e Lorenzo, giovani appassionati di cinema che si sono sperimentati come registi di un cortometraggio per sensibilizzare sul tema dell’inclusione; quella di Guglielmo, che ha scelto di cimentarsi nel baskin, sport integrato ispirato al basket, condividendo con un gruppo di coetanei la fatica degli allenamenti e l’emozione delle partite e delle trasferte; e quella di Marco e Matteo, fratelli che hanno deciso di organizzarsi per vivere autonomamente in un loro appartamento. Il documentario è disponibile su Youtube e sarà promosso, nei prossimi mesi, attraverso la rete della comunità Duchenne e Becker.

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta in età pediatrica e causa una progressiva degenerazione dei muscoli. La distrofia di Becker (BMD) è una variante più lieve, il cui decorso varia però da paziente a paziente. Al momento, non esiste una cura.

Parent Project onlus è un’associazione di pazienti e genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker. Dal 1996 lavora per migliorare il trattamento, la qualità della vita e le prospettive a lungo termine dei bambini e ragazzi affetti dalla patologia attraverso la ricerca, l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione. Gli obiettivi di fondo che hanno fatto crescere l’associazione fino ad oggi sono quelli di affiancare e sostenere le famiglie attraverso una rete di Centri Ascolto, promuovere e finanziare la ricerca scientifica e sviluppare un network collaborativo in grado di condividere e diffondere informazioni chiave.

Fonte: superabile.it

(l.v. / c.a.)

 

 


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 24 Luglio 2018
Torna su