Informa disAbile

mercoledì 19 settembre 2018
archivio notizie
Categorie

Assistenza domiciliare ad anziani e disabili, firmata delibera da 10 milioni di euro

TORINO – La Giunta comunale della sindaca Chiara Appendino ha approvato una delibera che consente di garantire la non interruzione delle attività di cura a casa a circa 5mila persone, prorogando l’intesa che, dal 2015, permette a Città di Torino e Asl di fornire regolarmente assistenza 

domiciliare, pur in attesa dell’adozione, da parte della Regione Piemonte, della revisione del sistema di gestione delle prestazioni socio-sanitarie e dei relativi mezzi di finanziamento. In questo modo è stata assicurata fino al 31 gennaio 2019 (due anni) la continuità delle prestazioni domiciliari agli anziani non autosufficienti e alle persone con disabilità residenti nel capoluogo piemontese.

SERVIZIO IMPORTANTE – Con la firma di questa mattina il Comune di Torino e l’Asl proseguono l’impegno a coprire i costi per il funzionamento di questi servizi destinati a una parte significativa della popolazione torinese, sia numericamente e sia dal punto di vista dei bisogni. «Si tratta di un provvedimento importante nell’ambito dei servizi cittadini di welfare, anche perché l’assistenza a casa rappresenta uno strumento alternativo o complementare al ricovero in strutture residenziali», hanno fatto sapere da Palazzo Civico, «questo servizio è in grado di portare vantaggi sia in termini di contenimento della spesa sanitaria e sia, permettendo di ricevere le cure di cui si ha bisogno non lasciando la propria abitazione, alla qualità della vita delle singole persone».

10 MILIONI – Per il servizio offerto, il Comune ha stanziato 10 milioni e 550mila euro da versare nei prossimi dodici mesi. Questi soldi sono parzialmente coperti con fondi regionali. Per quanto riguarda l’Asl, la sicurezza dei finanziamenti è data dalle garanzie di copertura finanziaria da parte della Regione Piemonte.

Fonte: torinodiariodelweb

(c.a.)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 31 gennaio 2018
Torna su