Informa disAbile

giovedì 14 dicembre 2017

Isee disabili 2017: calcolo e novità

cambia la modalità di calcolo e le detrazioni previste per i familiari che assistono una persona con disabilità

downloadLe novità introdotte con la Legge di Stabilità 2016 saranno applicate a partire dal mese di gennaio 2017 e i contribuenti nel quale nucleo familiare è presente un soggetto disabile si troveranno a confrontarsi con importanti cambiamenti relativi soprattutto alle modalità di calcolo e ai documenti necessari.

Con l’aggiornamento della procedura di determinazione della situazione economica equivalente delle persone con disabilità viene meno l’obbligo di dichiarare tutti i redditi percepiti sotto forma di prestazioni assistenziali e previdenziali da parte dell’Inps ma cambiamenti riguardano anche le detrazioni fiscali e la scala di equivalenza applicata.

La novità relativa al modello Isee disabili 2017 è stata anche specificata e illustrata con l’aggiornamento delle FAQ Inps relativamente alla documentazione necessaria ai fini del calcolo.

Si specifica quindi che per richiedere il modello Isee disabili 2017 non sarà necessario indicare nella DSU i contributi erogati a titolo di rimborso spese, le prestazioni socio-assistenziali e le riduzioni di tributi, l’erogazione di buoni servizio o voucher che sostituiscono l’erogazione di servizi.

Vediamo cosa cambia e quali le novità sul calcolo del modello Isee disabili 2017.

Per la determinazione del reddito DSU ai fini della richiesta modello Isee 2017 le persone con disabilità non saranno più soggette alla presentazione e alla dichiarazione di tutte le somme percepite come rimborso o sotto forma di prestazione assistenziali.

Questa la prima novità con la quale, sulla base delle disposizioni contenute dal dl n.42/2016 si prevede che i trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari percepiti da una persona con disabilità restano esclusi dalla DSU ai fini dichiarazione Isee 2017.

Con l’aggiornamento delle Faq Inps è stato inoltre specificato che i sordi prelinguali rientrano nella definizione dei sordomuti e pertanto nella categoria dei soggetti agevolati.

Le novità modello Isee 2017 riservano molta attenzione alla questione delle persone con disabilità e sanciscono un importante principio per la determinazione degli indicatori della situazione economica. Ma le novità riguardano anche le detrazioni: non si avrà diritto alle detrazioni per le spese sostenute ai fini di assistenza di un familiare disabile ma si avrà una maggiorazione della scala di equivalenza dello 0,5% per ogni componente il nucleo con disabilità media, grave o non autosufficiente.

Ecco nel dettaglio quali sono i redditi che non bisogna dichiarare ai fini del calcolo e le novità Isee 2017 per i disabili.

Nel nuovo modello Isee disabili 2017 non bisognerà più computare ai fini della determinazione del reddito le prestazioni e contributi erogati da enti diversi dall’Inps: Regioni, Amministrazioni statali, Comuni e Inail. Lo stesso vale per i contributi erogati dall’Inps: prestazioni di invalidità civile e indennità di accompagnamento sono già di conoscenza dell’Ente erogatore e quindi non è necessario indicarli nella DSU.

Non devono essere indicati i contributi erogati come rimborso spese relativamente alle spese sostenute per lo svolgimento delle normali attività quotidiane: assegni di cura, contributi per l’assistenza indiretta, contributi per l’abbattimento delle barriere architettoniche e per l’acquisto di strumenti tecnologici legge 104/1992.

Per la DSU relativa al modello Isee 2017 le persone con disabilità non sono tenute alla rendicontazione e alla dichiarazione di esenzioni o agevolazioni per il pagamento di tributi e servizi.

La novità stabilisce che quindi non concorrono alla determinazione del reddito e alla compilazione della DSU le seguenti prestazioni:

contributo per l’abbattimento delle barriere architettoniche;
voucher per servizi all’infanzia;
assegni di cura;
bonus gas e elettrico;
altre forme di compartecipazione al costo di beni o servizi del disabile.

Fonte: forexinfo.it


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 5 gennaio 2017
Torna su