Informa disAbile

martedì 17 settembre 2019
archivio notizie
Categorie

Scuola , tasse universitarie

tasse

Il Decreto Legislativo del 29 marzo 2012 n. 68 (art. 9 comma 2), per gli studenti con disabilità certificata ai sensi dell’art. 3, comma 1 o 3 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, o con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66 per cento, prevede l’esenzione dal pagamento dalla tassa di iscrizione e dai contributi universitari, senza porre la condizione della situazione economica disagiata.E’ necessario presentare la certificazione rilasciata dall’ASL competente che attesti la condizione di handicap o la percentuale di invalidità, all’ufficio per le relazioni con gli studenti con disabilità, presente presso tutte le università.

Anche gli studenti costretti ad interrompere gli studi a causa di infermità gravi e prolungate debitamente certificate, sono esonerati totalmente dal pagamento di tasse e contributi universitari in tale periodo (Decreto Legislativo del 29 marzo 2012 n. 68, art. 9 comma 4).

Le Istituzioni e le università statali possono prevedere autonomamente, nei limiti delle proprie disponibilità di bilancio e tenuto conto della condizione economica dello studente, la concessione di esoneri totali o parziali dalla tassa di iscrizione e dai contributi universitari, anche a studenti con invalidità inferiore al 66 per cento.

Gli studenti figli di beneficiari della pensione di inabilità ai sensi dell’art. 30 della Legge 30 marzo 1971 n. 118 con disagiata condizione economica, sono esentati dalle tasse universitarie e da ogni altra imposta.

Per poter beneficiare dell’esonero indicato dovranno essere iscritti in posizione regolare e dovranno allegare alla domanda (comunque chiedere all’ufficio competente), l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee) calcolato presso un Caf, la certificazione rilasciata dall’ente pensionistico attestante che il genitore è titolare di pensione di inabilità, copia del verbale rilasciato dall’ASL competente da cui risulti il tipo e il grado di invalidità del genitore e un’autocertificazione del proprio stato di famiglia.

Fonte :  superabile.it

( m . n . )


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 2 Agosto 2016
Torna su