Informa disAbile

venerdì 22 novembre 2019
archivio notizie
Categorie

Da Torino un sito di pronto intervento online per aiutare chi soffre di autismo

Verrà inaugurato a mezzanotte del 2 aprile il sito prontosoccorsoautismo.it, primo esperimento in Italia di accoglienza online per rispondere a quesiti e richieste di aiuto legate ai disturbi dello spettro autistico. Un servizio interno di triage si occuperà di smistare prontoautile richieste al personale più adatto presente in èquipe, garantendo una risposta entro 48 ore lavorative.

Al progetto, a cui ci si potrà rivolgere gratuitamente, partecipano 16 figure professionali e non solo: uno psicologo, un neuropsichiatra, uno psichiatra, uno psicoterapeuta, un educatore, un logopedista, una sessuologa esperta in autismo, un pediatra, un counselor, un assistente sociale, un avvocato, una persona con sindrome di Asperger, un consulente psicoeducativo, un esperto in legge 104, un pedagogista e dei familiari (a disposizione ci sono una madre, un padre, una coppia, una sorella, un fratello e dei nonni). Al contatto, che potrà avvenire via telefono, e-mail, skype o di persona, seguirà una consulenza libera da validità medico-legali.

Prontosoccorsoautismo.it vuole infatti essere un luogo di scambio e accoglienza in cui professionisti e familiari, a turno, mettono a disposizione degli utenti il loro tempo e la loro conoscenza senza fornire diagnosi.

La giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, dunque, si arricchisce di nuova iniziativa nata a cavallo fra Piemonte e Liguria, ma aperta a tutto il territorio nazionale. “L’idea nasce dall’esigenza di cercare di dare una risposta a tutte quelle persone che mi scrivono, ma a cui, da familiare, non posso dare una risposta”, spiega Ugo Parenti, torinese trapiantato a Genova per lavoro, padre di un giovane con sindrome di Asperger e che da anni promuove iniziative in questo senso, mettendosi in gioco anche come Gnomo Aspirino. “Come genitore ho i miei limiti e ho un grande rispetto dei ruoli, quindi ho pensato di coinvolgere dei professionisti” – continua – “La speranza è di riuscire a creare una rete così fitta da arrivare ad avere un triage per ogni regione, con consulenti fisicamente più vicini agli utenti. Professionisti e familiari interessati a fare parte della nostra squadra possono scriverci a info@prontosoccorsoautismo.it

Fonte: torino.repubblica.it


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 31 Marzo 2016
Torna su