Informa disAbile

venerdì 22 marzo 2019
archivio notizie
Categorie

Mano bionica, parte la sperimentazione della protesi per i pazienti amputati

Tecnologicamente avanzata, è in grado di far provare le sensazioni come una mano vera e di rispondere al problema del dolore della “sindrome dell’arto fantasma”. Collaborazione tra Fondazione Don Gnocchi di Firenze, Politecnico di Losanna e scuola superiore Sant’Anna di Pisa

mano bionica FIRENZE – Giunto per il momento a conclusione il Progetto Cyberlegs, partirà nelle prossime settimane presso il Centro Irccs Don Carlo Gnocchi di Firenze uno studio sui pazienti amputati “trans radiali”, che hanno cioè subito un’amputazione agli arti superiori, tra il polso e il gomito, e afflitti dalla “sindrome dell’arto fantasma”, un dolore acuto avvertito all’altezza della mano, che in realtà non c’è più, da pazienti con queste caratteristiche. Lo studio, coordinato dal gruppo di ricerca del profesor Silvestro Micera, dell’École Polytechnique Fédéral di Losanna e dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e finanziato dalla Commissione Europea, ha lo scopo di mettere a punto e di testare una protesi di mano particolarmente evoluta, in grado cioè di “dialogare” con il paziente in maniera non invasiva.

In pratica, la mano sarà mossa in modo volontario dal paziente, attraverso gli stimoli derivanti dai muscoli residui del braccio e la protesi, a sua volta, trasmetterà alle terminazioni nervose del braccio una serie di stimoli, incluso la percezione della presa e altre sensazioni tattili, proprio come se l’arto non fosse stato amputato. Tutto questo, senza alcun intervento invasivo, ma con una trasmissione di impulsi che avviene a livello epidermico. Una delle innovazioni più importanti sta proprio nella capacità della protesi di trasmettere le sensazioni della mano al paziente e questo è un aspetto fondamentale per il controllo del dolore nei pazienti con “sindrome dell’arto fantasma”.

Messo a punto un prototipo di protesi, la fase di sperimentazione clinica sarà curata nei laboratori della Fondazione Don Gnocchi di Firenze, dove nei mesi scorsi è stato messo a punto con successo un sistema di protesi e ortesi per restituire il cammino alle persone amputate a livello transfemorale (Progetto Cyberlegs). I pazienti che hanno subito un’amputazione della mano tra polso e gomito, in via preferenziale residenti nell’area fiorentina e interessati a prendere parte allo studio per sperimentare la nuova protesi, possono contattare il dottor Raffaele Molino Lova presso il Centro di Firenze della Fondazione Don Gnocchi (tel. centralino 05573931; email: rmolino@dongnocchi.it), lasciando i propri recapiti. Saranno richiamati per una prima valutazione e successivamente convocati per i test di valutazione.

Fonte: superabile.it

(c.a.)


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 29 Giugno 2015
Torna su