Informa disAbile

lunedì 9 dicembre 2019
archivio notizie
Categorie

Uovonero pubblica una versione semplificata rivolta ai piccoli con autismo, dislessia o ritardi cognitivi

C’è una storia, che è un classico delle fiabe di tutti i tempi. C’è una formula speciale che la traduce, con simboli, rendendola alla portata dei bambini con difficoltà nella lettura (sia causata da dislessia, autismo, da ritardi cognitivi o altri disturbi dell’apprendimento). autismoE infine ci sono delle pagine cartonate e sagomate per permettere anche a chi ha problemi nella motricità fine di sfogliarlo agilmente. E poi sì, ci sono delle illustrazionichiare, delicate e malinconiche a condire il tutto, che se vuoi puoi seguire la storia anche solo con quelle. Sono questi gli ingredienti di Biancaneve, l’intramontabile classico della letteratura per l’infanzia, nella versione che la casa editrice cremasca Uovonero ha pubblicato in una formula accessibile anche ai bambini con difficoltà di lettura.

La storia è sempre quella della principessa abbandonata nel bosco, trovata e curata dai sette nani e risvegliata dall’incantesimo della strega cattiva dal bacio del principe. Quello che cambia in questo volume è l’estrema semplificazione verbale e visiva che ne fa un testo comprensibile anche ai piccoli di età prescolare o con problemi a leggere, stimolandone una lettura autonoma dopo una fase di lettura condivisa con un adulto.

Le parole del racconto, sulle pagine di sinistra a stampatello maiuscolo, formano frasi molto semplici che stanno su una unica riga, sopra ai simboli PCS (Picture Communication Symbols) che la traducono in concetti estremamente semplici. In questo modo, leggendo la fiaba ad alta voce coi bambini, e facendo accompagnare la lettura dall’indicazione dei simboli a rinforzo, la comprensione della storia viene facilitata. Si tratta di una formula che Uovonero ha sperimentato anche con gli altri titoli della collana pesci parlanti, che conta classici e inediti per l’infanzia realizzati facendo ricorso a tecniche di comunicazione aumentativa e alternativa, utilizzate anche in ambito riabilitativo.

Le pagine di destra sono riservate tutte alle illustrazioni, dai tratti essenziali e con pochi colori, utili a contestualizzare il racconto e rafforzare la comprensione,accendendo la fantasia.

Anche al tatto, il libro è realizzato in modo da essere sperimentato e maneggiato con facilità e resistereanche agli usi più intensi, come in biblioteca o presso servizi riabilitativi. Le pagine sono infatti cartonate e tagliate con una particolatesagomatura ideata e progettata da Uovonero – il formato sfogliafacile© – per rendere il libro sfogliabile anche da parte di bambini con problemi nella motricità fine.

Questa Biancaneve per tutti è il risultato del lavoro di Enza Crivelli, pedagogista clinica e responsabile per l’autismo del polo distaccato di neuropsichiatria “Il Tubero” dell’Anffas di Crema, la quale ha curato l’adattamento del testo con anche la versione PCS, e di Tommaso D’Incalci che ha realizzato le illustrazioni, alle quali sono affidate le suggestioni di questa fiaba senza tempo.

Fonte: disabili.com

(s.i/c.a.)

 


Ultimo aggiornamento Aggiornata il 24 Febbraio 2015
Torna su